>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Acido in faccia per delusione d'amore: Le Iene a tu per tu con la donna prima dell'aggressione | VIDEO

Noi de Le Iene stavamo per mandare in onda martedì sera il servizio che raccontava l’inferno di persecuzioni vissute da Giuseppe, un ragazzo minacciato di morte da Sara Antonella Del Mastro, con cui aveva avuto una brevissima conoscenza. E ieri sera la donna, che a Veronica Ruggeri aveva fatto intendere di essersi messa l’anima in pace, ha sfigurato con l’acido l’uomo, riducendolo in gravissime condizioni

“Lo sai che è stalking questo?”. “Sì”. Il faccia a faccia fra Veronica Ruggeri e Sara era avvenuto solo tre giorni fa. E ieri intorno alle 21.30 ci è arrivata la tragica notizia: la 38enne di Legnano ha sfigurato con l’acido Giuseppe, il ragazzo con cui aveva avuto una brevissima storia di un mese e mezzo, e che aveva deciso di dire basta per la sua pesante gelosia. Ora il ragazzo si trova all’ospedale di Legnano, in attesa di essere trasferito a Niguarda, in gravi condizioni, a causa delle pesanti ustioni al petto e anche a un occhio, che potrebbe forse perdere.

A chiamare Le Iene era stato proprio Giuseppe. “Dopo che ho deciso di lasciarla, a causa della sua gelosia ossessiva, mi mandava in continuazione messaggi, dalla mattina alla sera”, ha raccontato a Veronica Ruggeri nel servizio che . “Nonostante io sia riuscito a bloccarla, lei mi telefonava con l’anonimo oppure cercava di agganciarmi sulle chat usando falsi profili”. Falsi profili che secondo Giuseppe fanno riferimento sempre a Sara, e che iniziano a insultarlo pesantemente con frasi come “stai attento a cosa fai, qualcuno prima o poi te lo mette in culo” e addirittura “uomo morto”.

E poco dopo, sempre sui social, erano iniziati a comparire falsi profili di Giuseppe con nick name molto preoccupanti: “peppemorto”. Profili che lo minacciano pesantemente: “uomo avvisato sei morto”.

Giuseppe l’aveva denunciata e poi aveva deciso di incontrarla di persona. E lei stessa, registrata a sua insaputa, aveva ammesso lo stalking: E dopo avere ammesso di aver combinato di tutto di più, aveva spiegato di averlo fatto "perché volevo che passassi un quarto del male che avevo io dentro”. E gli aveva anche confessato di avere “assoldato” un ragazzo siciliano per farlo seguire, un uomo che “arriva dai bassifondi”.

Veronica Ruggeri aveva allora incontrato Sara. “Perché l’hai fatto?”, le aveva chiesto. E lei a bruciapelo aveva risposto:  “Per colpa di quello stronzo di merda. Era l’unica persona buona in tutto lo schifo che avevo avuto. È la prima delusione forte. È stata la delusione del ti adoro facciamo una famiglia e poi?”.

Prima di congedarsi, Sara aveva fatto intendere di volersi rassegnare, dicendo di dover pensare solo a stare bene. Poi però, ieri sera, la notizia dell’attacco con l’acido. 

Sono stati i familiari di Giuseppe a raccontare a Le Iene la dinamica dell’accaduto. Il ragazzo era uscito da lavoro intorno alle 20.30 e subito si era reso conto di essere seguito in auto dalla sua ex Sara. Attorno alle 21.30 la madre lo chiama preoccupata, non vedendolo arrivare e Giuseppe le racconta di essere pedinato. Decide così di andare verso casa, con il fratello gemello e la madre che lo attendono per sicurezza davanti al portone. Quando Giuseppe parcheggia e scende dall’auto Sara, dietro di lui, lo invita dal finestrino ad avvicinarsi, “ per chiedere scusa” e in una frazione di secondo gli scaglia in faccia e sul petto un bicchiere con un liquido scuro e denso, un acido potentissimo. Davanti agli occhi esterrefatti del fratello gemello di Giuseppe. Sara scappa di corsa con la sua macchina, mentre i familiari accorrono e il giubbotto dell’uomo, per colpa dell’acido, si squaglia.

Qui sopra, potete vedere il servizio di Veronica Ruggeri in esclusiva nella puntata de Le Iene. Nel frattempo Sara si è consegnata alla stazione dei carabinieri di Legnano, ed è ora in arresto con l'accusa di lesioni personali gravissime e stalking

dopo il nostro servizio

Rita Bernardini denunciata per le piante di cannabis coltivate sul terrazzo di casa sua. La radicale, che si era già autodenunciata e da anni combatte per la legalizzazione della cannabis, sperava in un arresto per portare la questione al centro del dibattito pubblico: “Così si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere uguale per tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.