>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Aids: morto l'immunologo Fernando Aiuti, il ricordo con Nadia Toffa

Celebre il suo bacio ad una sieropositiva, in piena epidemia anni ’90. Mistero sulla sua morte al Policlinico Gemelli: si sarebbe suicidato? Lo ricordiamo con l’intervista che gli fece Nadia Toffa

Era noto al grande pubblico per il bacio dato, nel 1991, alla sieropositiva Rosaria Iardino, per dimostrare in piena emergenza Aids che l'Hiv non poteva essere contratto attraverso le effusioni come i baci. Ma Fernando Aiuti, l’immunologo morto oggi a Roma, non era solo questo, era un luminare della lotta all’Aids.

Il professor Aiuti, ricoverato al Policlinico Gemelli a seguito di una grave cardiopatia ischemica, sarebbe caduto dalla rampa delle scale del reparto in cui era ricoverato. Una dinamica che va comunque approfondita, e le primissime voci parlano infatti anche di un possibile suicidio dell’uomo.

La nostra Nadia Toffa avevano incontrato il Professor Aiuti, in una bella intervista del 2016 che potete vedere qui sotto, in cui si parlava a tutto campo del “male del secolo”, cercando di sfatare alcuni dei principali miti di cui la malattia si era nutrita e rispondendo a quei “folli” che ancora parlano di una malattia inventata dalle case farmaceutiche per guadagnare sulle spese per curarsi.

Una malattia che stando agli ultimi dati italiani conta 3.451 nuove diagnosi annue di infezione da Hiv, per una incidenza pari a 5,7 nuovi casi ogni 100 mila residenti. 

Guarda qui sotto l’intervista di Nadia Toffa al professor Fernando Aiuti

 

anticipazione

Ecco un'anticipazione dell’intervista esclusiva di Gaetano Pecoraro all’ex brigatista Alvaro Lojacono, condannato all’ergastolo in Italia per il sequestro Moro, in cui commenta le azioni di Matteo Salvini. Domenica con il ritorno de Le Iene, non perdetevi il servizio completo dalle 21.10 su Italia1

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.