>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Assegni familiari: manca il 20%? | VIDEO

Gigi De Palo, presidente del forum nazionale delle associazioni familiari, denuncia un ammanco di un miliardo l’anno negli assegni familiari erogati dall’Inps. Filippo Roma prova a fare chiarezza

“In Italia non si fanno più figli e le famiglie sono abbandonate a se stesse”, dice Gigi De Palo a Filippo Roma. “A fare un figlio in Italia rischi di diventare povero, l’Italia è il fanalino di coda europeo per quanto riguarda le politiche familiari”. Insomma, lui ha fatto 5 figli ma non consiglia di seguire il suo esempio. De Palo è anche il presidente del forum nazionale delle associazioni familiari.  

L’Italia, sostiene, è il Paese con la natalità più bassa in Europa. Ogni anno nascono circa 200mila persone in meno di quante ne muoiono. Ma quello che De Palo sostiene è soprattutto che “l’Inps ha tolto alle famiglie italiane 1 miliardo l’anno negli ultimi 6 anni”.

L’ammanco di cui parla riguarderebbe proprio gli assegni familiari. Cioè i sostegni economici mensili erogati dall’Inps alle famiglie che hanno al loro interno dei lavoratori dipendenti. L’importo dell’assegno varia in base al numero dei componenti della famiglia e in base al loro reddito.

Tutti i lavoratori dipendenti versano una quota nella loro busta paga e l’Inps dopo li trasforma in assegni familiari. “Ma di tutti questi soldi, l’Inps ogni anno non eroga circa un miliardo che non si sa che fine fa”.

Secondo questo ragionamento gli assegni familiari potrebbero essere più ricchi di circa il 20% e sicuramente qualche soldo in più alle famiglie con figli farebbe molto comodo.

Per scoprire dove sarebbero finiti questi soldi Filippo Roma va dall’ex presidente dell’Inps Tito Boeri. Ma non è molto collaborativo e preferisce rispondere che la Iena non sa di cosa parla piuttosto che entrare in argomento.

Allora ci proviamo con l’attuale presidente dell’Inps, Pasquale Tridico. Lui è appena arrivato, quindi di fronte al dato presentato risponde che spera non sia vero e si impegna pure a fare chiarezza. “Quando?” chiede Filippo Roma: tra un mese Tridico promette una risposta.

Resta la domanda: #dovesonoi6miliardi

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.