>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il figlio del boss contro la camorra | VIDEO

Antonio Piccirillo era intervenuto alla manifestazione a Napoli per la bimba ferita gravemente durante un agguato per strada. Roberta Rei

“Lo dirò sempre che i camorristi non fanno bene a nessuno”.

Roberta Rei incontra il 23enne Antonio Piccirillo. Il ragazzo è figlio di un boss della camorra e qualche giorno fa ha avuto il coraggio di testimoniare pubblicamente la sua storia, intervenendo con un megafono durante la manifestazione di Napoli indetta in solidarietà alla piccola Noemi, la bimba ferita gravemente per sbaglio, venerdì scorso, durante un agguato camorristico.

“C'è chi pensa che la camorra 50 anni fa era meglio di com'è oggi, ma ha sempre fatto schifo, è sempre stata ignobile, non ha mai pagato. Le persone perbene sono quelle che rispettano gli altri e i camorristi non rispettano nessuno". Così Antonio Piccirillo aveva detto al corteo di solidarietà, frasi importanti che ha ribadito alla nostra Roberta Rei, e che ascolterete questa sera a Le Iene.

Roberto, figlio del boss di camorra Rosario Piccirillo, racconta: “Mio padre è un boss che è stato condannato per reati di estorsione, di usura e per droga. Se dovessi descriverlo, mi rifarei ad una sua frase: un fallito di successo. Può essere anche che una persona creda di fare il malavitoso per dare un futuro migliore ma è ‘na strunzata!”

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.