>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Salviamo Ciro, clochard ai Caraibi | VIDEO

Separatosi dalla moglie e in rotta con la figlia, Ciro decide di lasciare Napoli in cerca di fortuna. Si ritrova a Guadalupe nelle Antille francesi, dove però finisce a vivere per strada. L’uomo, malato di demenza senile, non può tornare in Italia perché ha smarrito tutti i documenti. Luigi Pelazza prova a riportarlo a casa

Luigi Pelazza va a Guadalupe, una piccola isola delle Antille francesi, alla ricerca di Ciro, un italiano di 74 anni, originario di Napoli, di cui ci è stata segnalata la scomparsa. “Ho perso le tracce di mio zio Ciro. Temo possa avere problemi di salute”. A scriverci è sua nipote Rita, che però non vuole incontrarci: forse perché Ciro, oggi, vive da clochard.

Ma non è sempre stato così. “Era una persona brillante, uno che arrivava con le Bmw negli anni ’60, quando avevamo tutti la 500”, ci racconta suo fratello nel servizio che potete vedere qui sopra.

Riusciamo a rintracciare Ciro, che dopo la separazione dalla moglie e la rottura dei rapporti con la figlia era venuto nell’isola caraibica in cerca di fortuna. Quando lo incontriamo ci dice di chiamarsi Franco, di avere 47 anni e di lavorare per un’azienda statale. Appena qualche minuto prima, nel cercarlo, lo avevamo visto mentre frugava nei cassonetti della spazzatura.

La realtà è che Ciro non può ritornare in Italia perché è senza documenti, smarriti insieme al bancomat. L’uomo, che soffre di demenza senile, non può nemmeno più ritirare la pensione allo sportello: Ciro è costretto a vivere da barbone e a chiedere l’elemosina pur avendo sul conto in banca più di 30mila euro, che però non può prelevare!

Le Iene e Luigi Pelazza provano allora a riportare Ciro a casa, In Italia.

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading