>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Convention Life120, Panzironi: "La dieta mediterranea sta uccidendo l'umanità"

Si è tenuta domenica a Roma la convention del "metodo" Life120 di Andriano Panzironi. In migliaia ad ascoltare il "guru" già denunciato dall'ordine dei medici, sospeso da quello dei giornalisti e multato da Agcom per 264mila euro

“La dieta mediterranea tanto osannata sta uccidendo l’umanità”. Adriano Panzironi, di fronte a quasi 8mila persone arrivate da tutta Italia proprio per ascoltarlo, professa al Palasport dell’Eur (Roma) la sua “dieta miracolosa”. Cosa importa se è stato denunciato dall’Ordine dei medici di Roma per abuso della professione medica e truffa? Cosa importa se è stato sospeso dall’ordine dei giornalisti del Lazio? Cosa importa se è stato multato da Agcom per 264mila euro? La gente lo ascolta. Il motivo è semplice: chi non vorrebbe vivere 120 anni? E Panzironi, di cui noi de Le Iene ci siamo occupati con Andrea Agresti nel servizio che potete vedere qui sopra, con il suo “metodo” Life 120 promette di guarire il diabete, l’Alzehimer, e pure il cancro.

La convention si è tenuta domenica 30 giugno ed è stato il “più grande evento Life120 mai organizzato”. Erano presenti anche i Nas. “Penso siano qui ad ascoltarmi come è già accaduto”, commenta Panzironi.  L’assurdità sta nel fatto che Panzironi, appena multato da Antitrust e Agcom, ha parlato alla sua platea di fedelissimi dal palcoscenico di una location di proprietà al 90% del ministero dell’Economia e delle Finanze. L’altro dieci percento di quote del Palaeur, sempre pubblico, appartiene a Roma Capitale, cioè al Comune guidato da Virginia Raggi. Un paradosso tutto italiano.

“Una giornata storica che cambierà la medicina… Per sempre”. È questo lo slogan della convention che mette al bando zuccheri e carboidrati come nemici numero uno di una dieta sana. “Io non prometto nulla”, specifica Panzironi, “dico solo che mangiando in modo sano si evita di ammalarsi e quindi si può vivere di più”. In realtà gli operatori dei call center di Life120, dove si possono comprare gli integratori “miracolosi”, non dicono solo questo. Andrea Agresti li ha chiamati e le risposte ci hanno lasciati davvero senza parole. “Chiamo perché mio padre ha il diabete”, ha detto al telefono la Iena. “Il diabete per noi è una falsa malattia”, risponde l’uomo al centralino. “Perché se uno seguisse lo stile di vita Life120 non ci sarebbe un diabetico in Italia”. E alla domanda se un diabetico possa con il loro metodo smettere di prendere le medicine, risponde: “Sì. Una persona che è diabetica non sarà più diabetica entro quattro mesi”. “È vero che si guarisce anche dall’Alzheimer?”, chiede la Iena a un’altra operatrice. “Sì”, risponde semplicemente. In quanto tempo? “Penso sei mesi”. Insomma, Panzironi con la sua Life 120 non sembra dire solo che mangiando sano si evita di ammalarsi.

L’ultima misura contro di lui era arrivata dalla ministra della Salute Giulia Grillo, che aveva imposto alle sue trasmissioni televisive “Il Cerca Salute” l’obbligo di sottotitoli che spiegassero che Panzironi non può prescrivere diete e che la “Life 120” non ha alcuna valenza scientifica. “Life 120 Channel ha trasmesso informazioni pubblicitarie potenzialmente lesive della salute degli utenti”, aveva spiegato il provvedimento dell’Autorità, “tali da diminuire il senso di vigilanza e di responsabilità verso i pericoli connessi al corretto uso dei farmaci, in particolare sotto il profilo della mancata assunzione degli stessi, o del tipo di alimentazione da seguire e quindi tali da risultare pregiudizievoli per la salute dei consumatori/utenti”.

Ma Panzironi non sembra temere gli attacchi. Anzi, alla convention di domenica ha specificato che è “un onore essere attaccati quando si è nel giusto”.  

Panzironi, tutti i nostri servizi

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.