>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

De Rossi lascia la Roma: quella volta che incontrò Le Iene | VIDEO

Dopo 18 anni in giallorosso il capitano e campione del mondo volerà probabilmente oltreoceano. Nicolò De Devitiis era andato a trovarlo dopo un derby infuocato e il “mistero” su alcune sue frasi verso i laziali

L’ultima stagione in Italia per Daniele De Rossi. Lo ha annunciato il capitano e bandiera della Roma, che giocherà l’ultima partita contro il Parma il 26 maggio e che dal prossimo anno molto probabilmente si metterà alla prova in un campionato straniero. Le voci si rincorrono e parlano di Stati Uniti, di Giappone o degli argentini del Boca Junior.

"Mi sento ancora calciatore ed ho voglia di continuare, mi farei un torto se smettessi ora", ha spiegato De Rossi nel corso della conferenza stampa di addio.

L'AS Roma, che avrebbe provato senza successo a proporgli un ruolo da dirigente, ha reso noto infatti che "la carriera in giallorosso di Daniele De Rossi giungerà a conclusione al termine di questa stagione. De Rossi ha finora collezionato 615 presenze e 63 reti nei suoi 18 anni in maglia giallorossa e occupa il secondo posto tra i calciatori con più partite nella Roma, alle spalle di Francesco Totti".

Il Presidente Pallotta ha aggiunto:  "Daniele è stato per 18 anni il cuore pulsante dell'AS Roma. Ha sempre incarnato il tifoso romanista sul campo con orgoglio. Rispettiamo la decisione di proseguire la sua carriera da calciatore, anche se, a quasi 36 anni, sarà lontano da Roma. Ci commuoveremo, ma lo ringrazio per lo straordinario impegno profuso. Le porte della Roma per lui rimarranno sempre aperte con un nuovo ruolo in qualsiasi momento deciderà di tornare"

Una carriera lunga e prestigiosa quella di De Rossi nella Roma, a cui si è aggiunto anche il titolo prestigioso di Campione del Mondo con la Nazionale, vinto ai mondiali del 2006.

Nel maggio 2017 Le Iene con Nicolò De Devitiis erano state da lui, per chiedergli conto di alcune frasi pronunciate nei confronti della panchina della Lazio subito dopo aver segnato il gol nel derby cittadino (e la sua risposta alle domande della nostra Iena la potete ascoltare nel servizio che trovate qui sopra).

Cose di campo, cose che finiscono, non mi sembra niente di gravissimo – aveva minimizzato De Rossi - . Dovresti chiedere a giocatori e  dirigenti della Lazio che rapporto di cordialità ho con loro.”

Una nostra fonte interna alla Corte costituzionale ci ha riferito che il presidente della Repubblica avrebbe telefonato al presidente della Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi il 24 settembre sul suicidio assistito. Abbiamo cercato fin dalla mattina di avere la versione del Quirinale, che ha smentito solo nel tardo pomeriggio. E solo una volta uscito l’articolo. Mentre la nostra fonte conferma tutto  

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.