>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Manufatti abusivi a Mariglianella: papà Di Maio li abbatte

Con Filippo Roma vi avevamo mostrato per primi i fabbricati costruiti senza i permessi nella villa di campagna del padre del vicepremier Luigi Di Maio. Ora Antonio Di Maio, senza fare ricorso, ha deciso di buttarli giù

Antonio Di Maio, padre del leader pentastellato Luigi Di Maio, ha abbattuto i tre manufatti abusivi che aveva realizzato sul terreno di Mariglianella, di cui era coproprietario.

Una decisione presa prima della scadenza dei 90 giorni, previsti dalla legge, dall’ordinanza di abbattimento, che era stata emessa dal Comune napoletano. In sostanza un’ammissione di responsabilità, perché contro questa ordinanza di abbattimento Di Maio ha deciso di non presentare alcun ricorso al Tar.

I manufatti abusivi erano stati rinvenuti a novembre scorso, quando si erano trovati anche scarti edili abbandonati su alcuni piazzali della proprietà.

Dei 4 manufatti ritrovati all’epoca, solo tre (quelli oggi abbattuti) erano stati realizzati in violazione delle norme sull’edilizia, entrate in vigore nel 1967.

Noi de Le Iene vi avevamo mostrato in esclusiva le immagini delle proprietà del padre del vicepremier nel servizio di Filippo Roma (nel servizio che potete vedere sopra). Parte di queste proprietà erano state appunto sequestrate e la Procura di Nola stava indagando per abusi edilizi e violazioni ambientali.

Avevamo mostrato quelle stesse immagini proprio al capo politico dei Cinque Stelle, che come un testimone ci aveva detto avrebbe “aiutato” nella logistica nei terreni sequestrati. Mimmo, questo il nome del testimone, aveva fatto causa all'azienda di famiglia perché diceva di  essere stato impiegato in nero, e aveva fatto ricorso in appello nel 2016 (quando Luigi Di Maio era già nell'assetto proprietario dell’impresa edile).


A Mariglianella ci aveva colpito in particolare una casetta con patio e piscina, che avevamo mostrato a Di Maio. Lì secondo i suoi ricordi ci sarebbe stata una stalla, ci aveva detto. In una foto del 2013 però si vede Di Maio che si fa un bel bagno in quella piscina. E, in altre, gran feste in quel patio.

dopo il nostro servizio

Il boss della ‘ndrangheta, che in passato era già stato latitante per ben 23 anni, stava per essere estradato in Italia, dove deve scontare 30 anni di carcere. Giulio Golia era andato sulle sue tracce a Punta del Este, il paradiso discreto scelto da boss internazionali e signori della droga

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.