>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Arrestato con 2 litri di droga dello stupro. L'inchiesta de Le Iene | VIDEO

Uno spacciatore è stato arrestato a Milano: in casa nascondeva la droga dello stupro, una sostanza incolore e insapore che stordisce chi la beve. Con Matteo Viviani abbiamo provato a vedere come reagisce chi vede versare qualcosa di strano nei bicchieri delle ragazze

Non solo in pasticche, gli stupefacenti, anche quelli più pericolosi, si misurano pure in litri. Parliamo in questo caso dell’orribile droga dello stupro, che continua purtroppo a essere spacciata.

L’ultimo finito agli arresti è un ragazzo di Milano: in casa aveva due litri di questo stupefacente, una sostanza incolore e insapore in grado di stordire chi la beve. Da qui il suo nome, terribile: droga dello stupro.

Il pusher arrestato l’ha comprata in Olanda. La custodiva in casa assieme a pasticche di ecstasy. Il 26enne, senza precedenti penali, lavora tra l’altro nel campo della ristorazione.

È proprio in pub, bar e locali notturni che la droga dello stupro viene somministrata a insaputa delle vittime. Proprio in questi ambienti si è infiltrato Matteo Viviani per verificare le reazioni delle altre persone presenti, nel servizio che vi riproponiamo qui sopra.

Travestito per non farsi riconoscere, ha abbordato una ragazza. Mentre la distraeva, le ha versato nel cocktail una sostanza che alla vista poteva essere scambiata appunto per la droga dello stupro. La nostra complice ha accusato malori e assenza di autocontrollo, tipica conseguenza di questa sostanza.

Le reazioni dei ragazzi che hanno assistito a tutte le fasi del nostro esperimento sociale sono state le più disparate. C’è chi ha girato la testa dall’altra parte, chi invece ha messo in guardia la malcapitata e chi ha sfidato il finto malvivente costringendo la Iena a uscire allo scoperto prima che la situazione degenerasse.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.