>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Aprire i porti? Apri le cosce”. Emma Marrone, il leghista e gli hater | VIDEO

Massimiliano Galli, consigliere comunale della Lega umbro, lascia un violento commento sessista sotto la frase di Emma Marrone: “Aprite i porti”. Noi abbiamo messo la cantante faccia a faccia con uno dei suoi hater sul web e lei non le ha di certo mandate a dire!

AGGIORNAMENTO. La nostra Alice Martinelli è andata da Massimiliano Galli per dargli la possibilità di scusarsi, ma non siamo stati molto graditi. Clicca qui per il servizio completo.

“Faresti bene ad aprire le tue cosce facendoti pagare per esempio”. Con questa offesa sessista il consigliere comunale leghista di Amelia (Terni), Massimiliano Galli, attacca la cantante Emma Marrone. Il commento è apparso su Facebook sotto il link di una notizia sulla frase che Emma ha urlato durante un concerto: “Aprite i porti!”, in riferimento alle politiche sui migranti.

La Lega si è dissociata dal commento e ha annunciato l’espulsione del consigliere dal partito. Non è la prima volta che Emma Marrone ha a che fare con commenti violenti e sessisti sul web. Anche se forse è la prima volta che riceve un insulto così violento da parte di un politico.

“Io leggo tutto perché gestisco i miei profili da sola”, ha detto Emma alla nostra Mary Sarnataro nel suo faccia a faccia con l’hater dell’8 ottobre 2017, che potete vedere qui sopra. 

Abbiamo fatto incontrare la cantate con uno dei leoni da tastiera che riempiono le sue pagine social di insulti, dopo avergliene letti alcuni. “Emma Marrone sei una cagna maledetta”, “sei una troia”. Anche in questo caso i commenti di stampo sessista si sprecavano.

“Ho capito che rispondere non risolve il problema”, dice Emma. Che però di certo non le manda a dire: a un hater che la ha scritto “E che schiaffi puttana”, risponde che “questo non la prende da quando è nato”.

Non sappiamo cosa risponderebbe in un faccia a faccia con il consigliere della Lega, ma a giudicare da quello che ha detto nel confronto con chi l’ha chiamata “cagna”, possiamo stare tranquilli che gli darebbe una bella lezione di vita. Infatti, quando il leone da tastiera le fa notare che lei è un personaggio pubblico, Emma risponde: “Io non sono un personaggio pubblico, sono una donna”.  

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.