>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Fedeli svengono in chiesa: Le Iene alla particolare messa di Firenze | VIDEO

Ogni mercoledì sera, a Firenze, si tiene una messa particolare, con fedeli che cadono a terra sotto le mani del sacerdote. Siamo andati anche noi, per capire cosa accade durante il rosario del mercoledì sera

Siamo a Firenze, in una chiesa del centro storico. Qui, una volta a settimana, si tiene una messa davvero particolare. È il rosario del mercoledì sera. Sono presenti anziani, giovani, persone vestite in maniera distinta accanto a gente semplice e perfino qualche bambino.

All’inizio sembra una messa come tante altre, ma ben presto appare evidente che non è così. A un certo punto, finita la celebrazione, tutti si alzano e si mettono in fila per ricevere la benedizione dalle mani del sacerdote. Il parroco poggia le mani sulla testa del primo fedele. Tempo pochi minuti, e improvvisamente al fedele cedono le ginocchia e si lascia completamente andare all’indietro, dove due persone sono pronte a prenderlo per evitare che cada a terra. La stessa cosa si ripete con le altre persone in fila. Non tutte cadono, ma la maggior parte si abbandona al peso del proprio corpo e, sorretta dagli aiutanti del prete, viene portata in braccio fino ad essere adagiata per terra, dove c’è spazio. Presto la chiesa è piena di persone sdraiate a terra con gli occhi chiusi, in posizione rigida.

Le persone sembrano svenute. Ma stando a quanto ci dice l’aiutante del prete non si tratta di un vero e proprio svenimento. “Vanno in estasi”, ci spiega. “C’è chi resta così cinque minuti, chi un’ora, un’ora e mezza”. Effettivamente alcuni fedeli restano immobili per un sacco di tempo. Si chiama “riposo nello Spirito”: il prete imponendo le mani sulla testa invoca lo Spirito Santo e la reazione dei fedeli, a quanto ci dice l’aiutante, è “una pace immensa”. Ma spiega allo stesso tempo che le persone che si lasciano andare così col corpo, nella mente “restano coscienti”: “È come se qualcuno ti bloccasse lì, devi stare a riposo. Ma sentono tutto quello che è intorno”. E c'è chi per spiegarci la sensazione mentre cade ricorre pure alla tecnologia: "è come se tu aprissi le porte a Gesù, come se ti entrasse tipo contatto wi-fi proprio diretto”.

Non possiamo sapere cosa avvenga realmente nelle persone che si lasciano andare giù, ma decidiamo di provare anche noi e ci mettiamo in fila. La donna prima di noi, ricevuta la benedizione, va giù improvvisamente e viene portata via. Ci avviciniamo al prete, che poggia le mani sulla nostra testa e inizia a fare molta pressione. Ma nulla, restiamo in piedi. Si vede che lo Spirito non ci ha fatto visita. Ma no, ci sbagliamo! “Comunque ti ha fatto visita lo stesso, anche se non sei caduta”, rassicura l’aiutante del prete.

“Eri tesa, la prima sera è chiaro”, ci spiega una volta che torniamo al nostro posto. Può darsi. Chissà perché quei fedeli vanno giù così. Loro sono convinti che sia lo Spirito Santo: “Lo Spirito Santo ti rilassa talmente tanto, è come se Dio ti toccasse. Questa è la sensazione e quindi vai giù. È una cosa che ti viene naturale, anche se non vuoi”, dice un fedele che si è appena rialzato. D’altronde la religione è piena di misteri…

dopo il nostro servizio
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto ammissibile il ricorso della famiglia di Riccardo Magherini, morto nel 2014 per infarto dopo un fermo dei carabinieri. Noi de Le Iene abbiamo sostenuto assieme ai familiari la raccolta fondi per il ricorso a Strasburgo dopo che la Cassazione ha assolto i tre militari che lo avrebbero picchiato

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.