>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Crisi di governo? No”. Ci si può fidare di Matteo Salvini? | VIDEO

“Governo con i Cinque Stelle? No”, poi fa il governo con i Cinque Stelle. “Crisi di governo? No”, e apre la crisi di governo. Ci si può fidare del segretario della Lega? A dire il vero non è l’unico a smentire le parole con i fatti: ricordate quando Filippo Roma è andato da Di Maio e Renzi?

In quanti, dopo la crisi di governo di quest’estate, vi siete chiesti cos’è saltato in mente a Matteo Salvini? Fino a poco tempo fa infatti il segretario della Lega, acclamato sabato scorso in piazza San Giovanni a Roma come il nuovo leader del centrodestra, era vicepremier e ministro dell'Interno di un altro schieramento. L’alleanza giallo-verde tra i Cinque Stelle e la Lega è stata al governo fino a quando proprio Salvini non ha votato la sfiducia al primo governo Conte e chiesto le elezioni anticipate. Colpo di sole post Papeete beach? Forse, ma l’allora ministro dell'Interno contava sul fatto che i Cinque Stelle e Pd non avrebbero mai e poi mai fatto un governo insieme.

Qualcosa in questo ragionamento è andato storto perché dal governo giallo-verde si è passati al governo giallo-rosso. Eppure il calcolo di Salvini aveva delle basi: di dichiarazioni di odio tra i democratici e i pentastellati ce ne sono state parecchie. Da Renzi: “il signor Beppe Grillo fa schifo” a Paola Taverna (M5S): “gli ho detto mafiosi, schifosi, siete delle merde, dovete morire”.

Filippo Roma nella prima puntata dell'1 ottobre 2019 è andato dai leader Pd e M5S a cercare di fare aggiornare le loro dichiarazioni di odio reciproco. Però quando si tratta di ritrattare l’odio con le parole non ci hanno soddisfazione: né Di Maio, né la Taverna, né Matteo Renzi, né Nicola Zingaretti. Eppure a smentire le parole d’odio con i fatti non hanno avuto problemi!

Ma a dire il vero c’è qualcun altro che aveva giurato “mai con i 5 Stelle” e poi ha cambiato idea. A febbraio 2018 Matteo Salvini aveva infatti preso un “impegno solenne” a non governare mai con i pentastellati. E poi sappiamo come è andata.

Ma questa non è stata l’unica piroetta alla Nureyev nel curriculum di Matteo (Salvini). Ed è stato proprio l'altro Matteo (Renzi) a ricordarglielo nel duello a Porta a Porta: "Salvini di parola? Lei era per la Padania e poi è diventato il più grande nazionalista. Lei ha iniziato comunista padano a Leoncavallo ed è finito con Casapound di destra. Lei ha detto di Di Maio le cose più incredibili salvo poi consigliarlo come premier. Salvini, lei è una banderuola”.

Ma sull'ultima piroetta di Matteo S., la crisi di governo, quello che non capiamo è: veramente pensava che Pd e 5 stelle andassero a elezioni? “Pensavo che la democrazia valesse un pochino più della paura della poltrona, però alle elezioni ci andremo prima o poi”, dice Salvini a Flippo Roma. Eppure anche lui ha fatto una bella giravolta quando è andato al governo con i Cinque Stelle. Allora le due poltrone ottenute non contavano nulla? “Mi sembra che abbiamo fatto tante cose, poi quando hanno iniziato a fare i ‘signor no’ abbiamo detto basta, parola al popolo. Invece hanno preferito dare la parola a Renzi. Vedremo a chi daranno ragione gli italiani. Son contento di aver staccato la spina non si riusciva a fare più niente. Preferisco comunque passare per ingenuo che per poltronaro”. Ingenuo insomma: ci si può fidare di un politico che dice una cosa e poi fa l’esatto contrario? “Capita di cambiare idea”, dice Salvini. Ah ecco. E a lui capita pure spesso!

“Se avessi voluto prendere in giro gli italiani sarei rimasto zitto al governo”, continua Salvini. “Non facendo nulla e portandomi a casa quello che comporta fare il ministro. La vecchia politica mi vedrebbe ancora ministro, su questo lei ha ragione, mi vedrebbe far finta di niente e essere ancora ministro ma io di andare in giro guardando a testa alta la gente non potendo tagliare le tasse, cosa che avevo promesso, non lo faccio”.

Su una cosa sola sembrano andare tutti d’accordo, dal Pd ai 5 Stelle alla Lega: dicono una cosa e fanno l’esatto contrario. Cosa non si fa per una poltrona! E dopo la manifestazione dell’Orgoglio Italiano di sabato scorso, in cui prima era stato detto niente simboli di partito e poi c’erano solo quelli della Lega, non ci resta che chiede a Giorgia Meloni se si fida ancora di Salvini. “Sì”, ci risponde la leader di Fratelli d’Italia. “Sul fatto di aver fatto il governo coi 5 Stelle sapete come la penso. Anche l’altro giorno in piazza ho detto firmiamo un patto che dice basta 5 Stelle, Pd. Cioè il perimetro di alleanze è centrodestra”. Sì ma per ora sembra che a firmare questo patto sia stata solo la Meloni! Per lo meno se gli altri partiti di destra non firmano non potranno essere accusati di aver cambiato idea!

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.