>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Furbetti del reddito di cittadinanza, aggrediti Ismaele La Vardera e operatore de Le Iene

La Iena e l’operatore de Le Iene stavano indagando a Palermo sui furbetti che percepiscono il reddito di cittadinanza pur non avendo i requisiti quando sono stati aggrediti con calci e pugni. A loro va tutta la nostra solidarietà, forza ragazzi!

Ismaele La Vardera e un operatore de Le Iene, al lavoro per un servizio a Palermo, che vedremo nella prossima stagione su Italia1 sono stati aggrediti prima verbalmente, poi fisicamente, tanto da finire in ospedale. Il motivo: stavano indagando sul reddito di cittadinanza e sui furbetti che ne usufruiscono pur non avendone i requisiti.

Stavamo intervistando uno di questi furbetti che pur lavorando percepisce il reddito di cittadinanza”, racconta la Iena. “A un certo punto ha iniziato a inveire contro il cameraman, poi ha fatto altrettanto nei miei confronti”.

L’intervistato ha strappato il microfono dalle mani di Ismaele e ha iniziato a picchiarlo in testa all’operatore. Nell’alterco sono volati schiaffi e pugni anche verso la Iena che fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze. L’operatore è dovuto andare al pronto soccorso dove gli è stato riscontrato un trauma cranico, con 5 giorni di prognosi.

“Non è bello dover lavorare e sapere che qualcuno può perdere la pazienza e finire alle mani”, continua La Vardera. “Mi sento di ringraziare le forze dell’ordine che sono intervenute in maniera esemplare. Il mio ringraziamento va al Prefetto per la solidarietà espressa”.

Non è la prima volta che Ismaele viene aggredito durante il suo lavoro a Palermo, una città a cui è legato e che ha raccontato nel suo film “Italian politics for dummies” in cui ha denunciato gli accordi inconfessabili della politica, anche con la mafia, durante la sua candidatura a sindaco (il film, dopo un grandissimo successo di pubblico e di critica in sala e in tv, è stato premiato come film rivelazione del 2019 ed è in tour per i festival, da Londra a Shanghai).

Ad aprile stava indagando assieme all’autore e operatore Massimo Cappello sulla morte misteriosa di Aldo Naro, un 25enne palermitano ucciso nel 2015 davanti alla discoteca Goa, allo Zen, sempre a Palermo. Durante le riprese per il servizio sono stati aggrediti (clicca qui per il video dell’aggressione), finendo entrambi in ospedale.

A Ismaele e al nostro operatore vanno un abbraccio grandissimo, certi che continueranno a lavorare con la passione di sempre senza farsi intimidire. Forza ragazzi!

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.