>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il furto della Ferrari viola: lo scherzo de Le Iene a Bruno Vanzan | VIDEO

Hanno rubato la Ferrari viola a Bruno Verzan? Niente paura, è tutto uno scherzo de Le Iene e una lezione della moglie Marcella

Una Ferrari viola, un furto e un incontro sexy. Li abbiamo mischiati per bene ed ecco lo scherzo cattivissimo de Le Iene a Bruno Verzan, il maestro di cocktail acrobatico che sta per diventare papà. Lui ha sempre in mente il suo gioiellino da 240mila euro e 570 cavalli. Così la moglie Marcella vuole dargli una lezione.   

Un amico manda a Bruno la foto della sua Ferrari, unica al mondo, parcheggiata in Porta Romana a Milano. Lui non crede possa essere la sua perché è certo di averla lasciata in garage. Va a controllare e tutte le sue certezze crollano. L’auto non c’è più.

Così si porta nella zona dove dovrebbe essere parcheggiato il suo gioiellino. Intanto Nikita, la nostra complice, pubblica su Instagram una foto di lei con la Ferrari viola. Da alcuni dettagli, il numero uno dei cocktail capisce che lei è in un ristorante poco vicino.

Raggiunge il locale pensando di trovare la ladra della sua auto, in realtà si ritrova davanti un suo collega in compagnia della ragazza. Insomma, per un’uscita galante ci voleva una macchina all’altezza. Peccato che non è stata prestata da lui. Così il collega pluri-licenziato si difende dicendo che le chiavi le ha ricevute dalla moglie di Bruno, Marcella. Gli chiede dove sia la sua auto, e lui gli risponde che l’ha presa il parcheggiatore del ristorante che chiama subito. “Sono in tangenziale, mi hanno tamponato”, si sente rispondere al telefono.

Scoppia un putiferio e alla fine compaiono proprio le due “lei” di Bruno. Marcella alla guida della sua Ferrari che gli dice che è tutto uno scherzo de Le Iene!

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.