>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Giorgia Meloni: il selfie, la gaffe e gli assenteisti in Parlamento | VIDEO

Il Movimento 5 Stelle accusa Giorgia Meloni di essere poco presente in Parlamento, lei risponde con un selfie dando degli assenteisti ai grillini. Ma la foto diventa un boomerang per la leader di Fratelli d’Italia: Fabio Agnello va a incontrarla e lei si appella al presidente Roberto Fico

Chiedo a Roberto Fico di rendere pubblici i dati sui miei ingressi e uscite in Parlamento”. Pochi giorni fa non si è parlato d’altro che del suo comizio in chiave rap diventato un tormentone (clicca qui per il servizio di Alice Martinelli), ora Giorgia Meloni è finita di nuovo al centro della polemica. E si appella al presidente della Camera.

Questa settimana è stata accusata dal Movimento 5 Stelle di essere una tra i parlamentari meno presenti in aula perché ha collezionato il 72% delle presenze durante le votazioni alla Camera. Lei risponde alla polemica con un selfie scattato a Montecitorio. “Ops, transatlantico deserto. Tutti a casa di giovedì i moralizzatori grillini? Dai mi sento sola venite a farmi compagnia, assenteisti!”, ha scritto.

Ma il selfie della Meloni si è rivelato uno scivolone. Infatti la foto è stata scattata nel corridoio del primo piano di palazzo Montecitorio. In quel momento era vuoto non per assenteismo dei parlamentari, ma perché c’erano in corso le commissioni che si svolgono al quarto piano.

Davvero non sapeva che i colleghi stavano lavorando qualche piano più sopra? Fabio Agnello è andato a chiederlo direttamente a lei. “Quella mattina c’erano 4 commissioni convocate su 14”, risponde la Meloni confermando dunque che qualcuno al lavoro c’era. “Due terzi dei colleghi però stava a casa”.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.