>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ilva, il paradosso Arcelor-Mittal: se abbassa la produzione ci guadagna | VIDEO

Gaetano Pecoraro incontra alcuni ex operai belgi di Arcelor-Mittal, che a Taranto ha annunciato di voler licenziare 4700 persone. E uno di loro avanza il sospetto che il gruppo franco-indiano lo stia facendo per una pura speculazione finanziaria. Vi sveliamo il meccanismo

Arcelor Mittal, la multinazionale dell’acciaio che ha appena annunciato di voler licenziare 4700 operai dell’Ilva di Taranto, lo sta facendo per una speculazione finanziaria?

È il dubbio tremendo che emergerebbe dalla scoperta di Gaetano Pecoraro torna a parlare della drammatica situazione in cui versa lo stabilimento pugliese, comprato dal gruppo franco-indiano Arcelor-Mittal.

Proprio nei giorni in cui decine di migliaia di persone sono scese in piazza per lo sciopero generale contro i licenziamenti annunciati a Taranto, Le Iene volano in Belgio, per raccogliere le testimonianze di chi è già passato dal dramma della perdita del posto di lavoro in Arcelor-Mittal.

E uno di quegli operai belgi licenziati, Frédéric, racconta a Gaetano Pecoraro una storia incredibile: “Hanno regalato a Mittal le quote di CO2 per produrre, ovvero i permessi per inquinare. E Mittal se le rivende in borsa, perché c’è un mercato di queste quote”.

La Iena incontra poi l’esperta di un'ong che si occupa di monitoraggio del livello dei gas inquinanti e del loro mercato, che spiega i meccanismi di questo lucrosissimo business.

 

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.