>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Dalla Juventus a Strunz: gli 80 anni di Trapattoni. Buon compleanno, Trap! | VIDEO

Giovanni Trapattoni compie 80 anni. Anche noi de Le Iene vogliamo fare gli auguri per questo compleanno importante al Trap con una sua intervista di qualche anno fa

Tanti auguri a Giovanni Trapattoni per i suoi 80 anni. Il 17 marzo non è solo il giorno di San Patrizio, ma anche il compleanno del Trap! Nella sua carriera calcistica ha vinto sei Scudetti, due Coppe Italia, una Coppa del Campioni, una Coppa delle Coppe, due Coppe UEFA, una Supercoppa Europea e una Coppa Intercontinentale. E in 13 stagioni totali sulla panchina della Juventus.

Anche noi de Le Iene lo festeggiamo con l’intervista del 19 maggio 2008, che potete vedere qui sopra. A 10 anni dalla celebre conferenza stampa in cui il Trap, allora alla guida del Bayern Monaco, si lasciò andare a un lungo rimprovero verso i suoi giocatori e in particolare verso uno: Strunz, Thomas Strunz. E a tal proposito con noi scherza dei suoi strafalcioni in tedesco.

Erano le ultime settimane al Salisburgo e già era in parola con l’Irlanda di cui è diventato commissario tecnico a metà del 2008. Era preoccupato per il suo livello di inglese, così gli diamo qualche ripetizione. “Sono bravo a fare l’allenatore, un po’ meno con i congiuntivi”, dice.

Con lui ricordiamo anche alcune sue frasi storiche come “non compriamo uno qualunque per non fare qualunquismo”, intendendo che andavano comprati i calciatori solo in caso di necessità. Oppure “c’è maggior carne al nostro arco, anche se l’arco lancia le frecce”, volendo dire che l’arco deve prendere la selvaggina che poi va cucinata.

Con lui parliamo anche di donne, e di quelle che lo fanno impazzire solo se hanno gli occhi azzurri, e a tal proposito nomina Ilary Blasi, la moglie di Francesco Totti. E poi sfata il mito che non si può fare sesso prima di una partita: “Certo che si può”, dice.

Dal sesso torniamo a parlare di calcio e dei mondiali del 2002, quando l’Italia è stata squalificata contro la Corea. “Io porto sempre l’acqua benedetta in panchina per i nemici e le situazioni negative. Con la Corea non ha funzionato”. Già, a distanza di tutti questi anni, ancora ce la ricordiamo!

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.