>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Mattia Griggio: Mr Truffa colpisce ancora | VIDEO

Mattia Griggio, trentacinquenne pluripregiudicato che ha dedicato la sua vita alle truffe, torna all’opera. Con due nuove accuse di truffa, simili a quelle che già avevamo scoperto con Matteo Viviani

Mr truffa colpisce ancora: Mattia Griggio, già smascherato da Le Iene nel servizio di Matteo Viviani che vedete qui sopra, è ancora una volta sotto processo con l’accusa di due truffe. Entrambe sarebbero state messe a segno mentre si trovava in regime di sorveglianza speciale. Insieme a lui anche la compagna Khady Thiam e Gianluca Bosello

Secondo l’inchiesta tra il luglio e l’ottobre 2015 Griggio si era presentato come un promotore finanziario di Banca Mediolanum (incarico mai ricoperto) dopo aver pubblicato in alcuni siti online degli annunci in cui offriva finanziamenti a tassi di interesse bassi. Due le vittime: una signora, a cui aveva garantito un prestito previa sottoscrizione di una polizza assicurativa che imponeva il pagamento in contanti di 378 euro, e un novantenne nel suo caso la somma richiesta per “spese istruttorie” era di 284euro. Il processo è stato aggiornato al 13 settembre prossimo quando in aula sfileranno alcuni testimoni.

Mattia Griggio, 36 anni, è un pluripregiudicato che ha dedicato tutta la sua vita alle truffe, molte delle quali già arrivate a sentenza. Noi de Le Iene ce ne eravamo già occupati anni fa insieme a Matteo Viviani che gli stava dietro dall’aprile 2013. Griggio, intercettato dalla Iena, promette alle telecamere che non lo farà più e restituirà i soldi: “È vero, mi sono intascato dei soldi, ho sbagliato. Quando mi alzo al mattino mi faccio schifo, perché è come una droga”.

Ma è l'ennesima messa in scena di Mr Truffa che non aveva alcuna intenzione di rispettare la promessa ma intendeva solo ripulire la sua immagine. Infatti, quando poi Matteo Viviani scopre le carte e rivela di sapere tutto, Griggio, smascherato per l’ennesima volta sale sul pullman, torna a Padova e inizia la sua latitanza che termina il 18 febbraio con la notifica dell’ordine di carcerazione firmato nel gennaio 2015. 

E nonostante Griggio continui a sostenere di voler cambiare vita, i fatti continuano a dargli torto con ben 70 fascicoli a carico. 

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.