>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Soldi in nero e esami finti: medico sfrutta i pazienti stranieri? | VIDEO

Abbiamo filmato di nascosto un medico di base che inventerebbe esami diagnostici per intascare soldi in nero dai pazienti stranieri. Interviene Giulio Golia

Una ragazza si è rivolta a noi per denunciare un medico base che si approfitta dei suoi pazienti. Lei lavora nel suo studio come traduttrice perché la maggior parte dei pazienti che si rivolgono a quel medico sono cinesi.

Stando a quanto ci dice il comportamento del medico non è per nulla fedele al giuramento di Ippocrate. “Fa elettrocardiogrammi e ecografie a macchina spenta e tamponi finti dicendo che li porta ad analizzare quando invece li butta nel cestino”, ci racconta.

Tutte queste visite, anche se finte, costano un sacco di soldi che finirebbero in contanti nelle tasche del medico.

Giulio Golia ha chiesto a quella ragazza di documentare tutto con una microcamera. La tecnica sarebbe sempre la stessa: il paziente si presenta con qualche disturbo anche semplice, tipo il mal di gola, e il dottore dice che per capire meglio serve un esame, in questo caso un tampone. Costo: 20 euro. Il tampone? Invece di analizzarlo lo butta nel cestino. La diagnosi la fa lo stesso: “La signora ha lo stafilococco”. E la manda a casa senza ricevuta.

Sembra che oltre a una passione per i tamponi, questo dottore sia pure il mago delle ecografie. Con la nostra microcamera l’abbiamo visto diagnosticare perfino una gastrite con l’ecografia, “una cosa impossibile”, secondo Pierluigi Bartoletti, vicepresidente dell’Ordine dei medici di Roma. 50, 30, 20, 40 euro: per ogni paziente a cui fa l’ecografia il prezzo è diverso.

Dopo tamponi e ecografie, scopriamo che quel medico sarebbe pure un fenomeno de gli elettrocardiogrammi. Quindici secondi per fare una diagnosi con un macchinario che dalle nostre immagini sembra pure spento.

L’inventiva non gli manca e quando pensiamo di aver visto tutto, sfodera un’altra perla diagnostica: la visita con le lenti per l’esame oculistiche spacciate per “lenti dermatologiche”

“Quello sta sporcando un camice: le sanzioni vanno dall’avvertimento alla radiazione dall’Ordine”, dice Bartoletti dopo aver visto tutto.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.