>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Mucca pazza”, caso sospetto a Ravenna. Fabio Volo in piena epidemia ci aveva portato a Brescia

Una donna di 59 anni sarebbe morta a causa del morbo cosiddetto della “mucca pazza”. Nel 2001, in piena epidemia, Fabio Volo ci aveva portato dalle sue parti, a Brescia, dove c’era stato un caso sospetto

Una donna di 59 anni è morta per il morbo cosiddetto della “mucca pazza” in provincia di Ravenna. L’epidemia aveva creato il panico in tutta Europa tra il 2001 e il 2002. Proprio nel 2001, in piena emergenza, Fabio Volo era partito dalla sua casa di Brescia, dove si era registrato un caso sospetto di mucca pazza, per parlare con gli abitanti della zona, che però non si erano mostrati troppo impauriti: “Io la carne la mangio. Sono 50 anni che mangio queste vacche”.

Da allora i casi registrati sono decisamente diminuiti: se confermato, quello di Ravenna sarebbe il terzo caso italiano negli ultimi due anni. Per la morte della donna, la procura di Ravenna ha aperto un’inchiesta. 40 persone sono iscritte nel registro degli indagati, tra medici e infermieri. Non avrebbero infatti eseguito una diagnosi tempestiva della malattia. Il decesso inizialmente era stato diagnosticato come polmonite, ma analisi più approfondite hanno rivelato che si sarebbe trattato della ormai nota “mucca pazza”. La famiglia della vittima ha sporto denuncia. Oggi verrà eseguita l’autopsia per verificare che si tratti del morbo Creutzfeldt-Jakob, quello appunto della “mucca pazza”. 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.