>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Nonna Maria liberata dopo 4 anni di “sequestro in famiglia” | VIDEO

Dopo 4 anni segregata in una casa in cui un figlio e una nipote non la facevano uscire, nonna Maria ha riabbracciato il resto della sua famiglia. Nina Palmieri ci ha raccontato la sua storia, a Le Iene vedremo il commovente epilogo. Non perdetevi la puntata di martedì, dalle 21.10, su Italia1

Voglio vedere Daniele e Mimmo”, sono le prime parole di nonna Maria prima di riabbracciare i suoi nipoti e scoppiare in un pianto come potete vedere nel video di anticipazione qui sopra. Nonna Maria è finalmente libera, e da qualche giorno è stata trasferita in una casa protetta dove ha riabbracciato tutta la sua famiglia. Noi de Le Iene abbiamo raccontato la sua storia. Lei ha 94 anni, vive a Catania e da quasi 4 le veniva impedito di vedere le figlie. Dietro ci sarebbe, come spesso succede, una questione di soldi, dopo anni di grande unità familiare. Martedì sera, dalle 21.10, su Italia1, la vedremo finalmente con tutta la sua famiglia.

 “Non ce ne andiamo nonna. Siamo venuti per restare insieme. Capito? Ora ogni giorno ci possiamo vedere”, dicono le figlie a Maria, dopo il loro primo lungo abbraccio. Per quasi 4 anni è stata reclusa e sequestrata in una casa. Ora finalmente può vedere la sua famiglia. La sua storia è quasi surreale. Per pochi minuti a dicembre siamo riusciti a incontrare “nonna Momy” in un modo inaspettato e rocambolesco. “Non ci hanno permesso di vederti mamma, sono 3 anni”, le hanno detto le figlie. “Tutta colpa di Franca e Davide”, cioè l’altra figlia e il nipote, ha risposto nonna Maria.

Nina Palmieri aveva provato a incontrare entrambi. “Siete figli di puttana”, ci aveva urlato dietro Franca. E anche con Davide non era andata meglio. La prima volta alla nostra vista è scappato, invece la seconda volta è stato più pacato. Quell’incontro però era finito con l’uscita di scena di Davide in barella scortato da medici e infermieri. Abbiamo cercato di capire come avessero fatto a tenersi nonna Maria a casa loro per tutti questi anni impedendo al resto della famiglia di vederla. “La parola per definire tutto questo è sequestro di mia madre”, dicono le altre figlie Santa e Maria Teresa.

Tutto ha inizio tre anni fa, quando nonna Maria si rompe un femore. È in quel momento che Franca e Davide la portano a casa loro e non si fanno praticamente più sentire, nonostante le insistenze degli altri familiari che nel luglio 2016 presentano denuncia per “sequestro di persona”. 

Il resto della famiglia teme che possa essere manipolata. Franca e Davide fanno cambiare le chiavi della casa della nonna. I familiari scoprono che nonna Maria sarebbe stata derubata di tutto, dalla polizza vita di 160mila euro a tre case per un valore di 400mila euro fino a entrate mensili di circa 2000 euro al mese. Sui suoi conti correnti sarebbero rimasti appena 23 centesimi.

La Iena accompagna figlia e nipote a incontrare “nonna Momy”. L’incontro con Maria Teresa e la nipote Chiara, sulla soglia di una casa in cui non possono entrare, è commovente, con un lunghissimo abbraccio sulla sedia a rotelle appena fuori dalla porta. La nonna, confusa, non ricorda di non vederle da tanto tempo.

Le due donne sperano nell’aiuto dei giudici dopo che avranno visto queste immagini. Maria Teresa e Santa così denunciano la sorella e il nipote per sequestro di persona. Inizia un iter giudiziario che si trascina per quasi 4 anni. Perché tutto questo? “Per il dio denaro”, sostengono le due figlie.

Non perdetevi l’epilogo di questa vicenda e il lungo abbraccio di nonna Maria ai suoi familiari, martedì, dalle 21.10, su Italia1

 

Guarda qui sotto i due servizi di Nina Palmieri su nonna Maria 

 

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.