>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Un alibi per Stasi condannato per l'omicidio di Garlasco? | VIDEO

Chiara Poggi è stata uccisa il 13 agosto 2007 a Garlasco. Per l’omicidio è stato condannato l’ex fidanzato Alberto Stasi. Dopo 12 anni vi mostriamo in esclusiva a Le Iene un nuovo elemento che potrebbe scagionarlo. Alessandro De Giuseppe ci racconta tutto 

Il 13 agosto 2007 Chiara Poggi, 26 anni è stata uccisa a Garlasco mentre si trovava nella villetta di famiglia. Il suo ex fidanzato, Alberto Stasi, è stato condannato in via definitiva per il suo omicidio. Per i giudici, la mattina di 12 anni fa Alberto va in bici alla casa di Chiara. Lei disinserisce l’antifurto alle ore 9.12, apre la porta e lo fa entrare. Dopo qualche minuto per uno scatto d’ira di cui non si sarebbe mai capito il movente, lui la prende a martellate con un oggetto contundente, mai ritrovato, fino a ucciderla.

C’è però chi solleva molti dubbi sull’ultima sentenza. Ma oggi ci potrebbero essere nuovi elementi in grado di scagionare Stasi. “I giudici dicono che lui non ha un alibi”, sostiene il criminologo Alberto Miatello.

Abbiamo ricostruito a 360° quello che una delle testimoni avrebbe visto all’esterno della villa dei Poggi negli istanti in cui Chiara è stata uccisa. Vi mostriamo qui sotto in esclusiva con Alessandro De Giuseppe questi nuovi clamorosi dettagli.

- CLICCA QUI PER VEDERE A 360° GRADI IL TRATTO DI STRADA PERCORSA DALLA TESTIMONE DAVANTI ALLA VILLETTA DEI POGGI A GARLASCO E RICOSTRUIRE IN PRIMA PERSONA QUESTO NUOVO ELEMENTO

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.