>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Omicidio Vannini: Bugie e Verità. Il 24 aprile lo Speciale de Le Iene

Marco Vannini è stato ucciso a 20 anni da un colpo di pistola mentre si trovava a casa della fidanzata Martina. Con Giulio Golia abbiamo raccontato questo caso ancora avvolto da dubbi e contraddizioni. Non perdetevi mercoledì 24 aprile lo Speciale de Le Iene dedicato al caso

Marco Vannini muore la notte tra il 17 e il 18 maggio 2015 a Ladispoli, vicino Roma. Aveva 20 anni. A ucciderlo è stato un colpo di pistola, che prima gli ha attraversato il braccio, per poi perforargli un polmone e conficcarsi in una costola.

Quella sera Marco si trovava a casa della fidanzata Martina. Le dinamiche che hanno portato alla sua morte presentano ancora oggi punti d’ombra e contraddizioni. Il 29 gennaio scorso Antonio Ciontoli, il padre della fidanzata di Marco, sottufficiale della Marina distaccato ai servizi segreti, è stato condannato in appello a 5 anni per omicidio colposo (il reato è stato derubricato rispetto alla sentenza di primo grado, per cui Ciontoli era stato condannato a 14 anni per omicidio volontario). Tanta è stata la rabbia dei genitori del ragazzo, che lottano per avere giustizia.

Con Giulio Golia abbiamo raccontato questo caso in numerosi servizi, evidenziando i dubbi su cui non è ancora stata fatta chiarezza. Quella sera in casa Ciontoli, oltre ad Antonio e Martina, erano presenti anche  la moglie di Antonio, Maria Pezzillo, Federico, fratello di Martina, e la sua fidanzata Viola Giorgini. Vi abbiamo fatto ascoltare le chiamate della famiglia Ciontoli al 118, che non sono state tempestive. Abbiamo mostrato le intercettazioni ambientali in caserma il giorno della tragedia e analizzato le versioni che sono state date dai membri della famiglia Ciontoli negli interrogatori.

Secondo la ricostruzione dei giudici, quella sera Marco stava facendo il bagno nella vasca di casa Ciontoli. Il padre della fidanzata sarebbe entrato in bagno, avrebbe preso da una scarpiera una pistola, da cui sarebbe partito il colpo che ha portato dopo alcune ore alla morte del giovane.

Secondo i giudici della prima Corte d'assise d'appello di Roma, Antonio Ciontoli sparò a Marco Vannini in modo colposo, ma fu gravemente responsabile di non aver attivato i soccorsi immediatamente. 

Non perdetevi mercoledì 24 aprile lo Speciale de Le Iene su “Omicidio Vannini: Bugie e verità”, in onda in prima serata su Italia1.

La pista dei festini gay, l'omertà del paese di Goro, le testimonianze inedite, il cerchio che si stringe sul nome dell'assassino e la svolta della Procura con uno o più indagati per l'omicidio di un ragazzo di 18 anni con problemi mentali. Ecco tutta l'inchiesta di Antonino Monteleone e Riccardo Spagnoli, a un passo dalla verità dopo 31 anni

L'ultima puntata

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.