>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Clonato il Principe Azzurro! Lo scherzo de Le Iene | VIDEO

Abbiamo fatto credere al principe azzurro Alessandro Puoti di essere stato clonato. Ma è solo uno scherzo de Le Iene architettato di Nic Bello

La Nasacom, la più grande azienda libera nel settore della robotica militare, sta svolgendo segretissimi esperimenti sulla clonazione umana. Dalla teoria ora gli scienziati vogliono passare ai fatti e tra tutti gli esseri umani al mondo hanno scelto una persona da clonare: il principe azzurro Orlando Puoti.

Se non lo conoscete, è la star del salottino di Bonolis ad Avanti un altro.

Piccolo dettaglio, non esiste la Nasacom, Puoti non verrà clonato e tutto quello che vi raccontiamo è solo un cattivissimo scherzo de Le Iene.

Convochiamo il principe con la scusa di volerlo coinvolgere in uno show di magia di Mediaset. Dopo il provino gli confessiamo che è andato malissimo. Però può restare nello show se accetta di partecipare a un segretissimo progetto sperimentale.

Lo sottoponiamo a degli esami medici, tra cui un finto prelievo del sangue, e per mesi non gli diamo più notizie.

In un giorno di primavera lo convochiamo di nuovo per la seconda fase del progetto Nasacom di clonazione umana. Il responsabile dell’azienda gli comunica cosa sta per succedere: “Lei farà parte di questo spettacolo che sia chiama The Prestige, il numero è quello della duplicazione umana. Hanno creato un altro essere umano uguale a lei”.

Lo portiamo nel piccolo teatro dove avverrà lo show. Sul palco ci sono due casse vuote e noi gli facciamo fare le prove per la sua performance. Entrare nella cassa, uscire con un inchino e ricevere gli applausi.

Arriva la sera della verità. Davanti a una piccola platea Puoti si prepara a eseguire il numero. Entra in una cassa esce dal retro e ci raggiunge nel backstage. Unendo questo filmato a quello della mattina otteniamo un video in cui lui entra in una cassa ed esce dall’altra. Glielo mostriamo dicendogli che a uscire dall’altra cassa è stato il suo clone. Lui è stupito ma felice della buona riuscita del progetto.

Un nostro complice però si avvicina a lui e solleva dei dubbi: “La clonazione è illegale”. Orlando Puoti sostiene che non ci sia niente di strano, che il clone non ha sentimenti e che la scienza oggi riesce a fare un po’ di tutto.

Quando lo riportiamo in hotel però Nic Bello gli rivela che hanno dovuto legare il clone perché è diventato aggressivo. A quel punto qualche dubbio viene anche a Puoti: “ma è umano o no? Prova sentimenti?”. Nic gli risponde che “lui è te, se fossi dentro una cassa come ti sentiresti?”.

Puoti comincia a preoccuparsi e quando rientra in camera prende la mazzata finale. Trova la cassa sigillata con dentro il suo clone accanto al letto. Il clone dentro la cassa picchia duro contro le pareti per essere liberato. Orlando chiama i nostri complici per avvertire di questa cosa ma lo rassicurano che può dormire tranquillo.

Ma dalla cassa continuano ad arrivare rumori terribili: il clone ha fame.

Orlando gli dà un biscotto e comincia a dialogare con il suo clone. Ha paura, gli uomini che gli hanno fatto questo sono cattivi e implora di essere liberato. “Se devi scegliere tra uno show e la vita umana tu scegli lo show?”, chiede il clone. Orlando risponde “Sì”.

Poi però scopre la chiave sopra la cassa e lo libera e scopre che tutta questa incredibile storia era solo uno scherzo de Le Iene.

dopo il nostro servizio
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto ammissibile il ricorso della famiglia di Riccardo Magherini, morto nel 2014 per infarto dopo un fermo dei carabinieri. Noi de Le Iene abbiamo sostenuto assieme ai familiari la raccolta fondi per il ricorso a Strasburgo dopo che la Cassazione ha assolto i tre militari che lo avrebbero picchiato

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.