>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

“Due anni al pm che ha chiesto l'arresto del marito della sua amante”

Chiesti due anni di carcere, per abuso d’ufficio, per il pm Vincenzo Ferrigno. Motivo: voleva l’arresto del marito della sua amante. Una storia che ha dell’incredibile, proprio come vi abbiamo raccontato due anni fa con Filippo Roma

Tradimenti, matrimoni e processi: il canovaccio sembra già scritto, pure migliaia di volte. Invece no: stavolta lo sviluppo della storia è molto particolare, quasi incredibile, se a raccontarlo non ci fosse un processo (e un nostro servizio di due anni fa). Protagonista e accusato: un magistrato, l'ex pm di Firenze (ora a Spoleto), Vincenzo Ferrigno.

Prima Ferrigno ha chiesto per due volte l’archiviazione per un indagato, poi, dopo averne conosciuto la moglie che sarebbe diventata la sua amante, ha cambiato improvvisamente idea e ha chiesto l’arresto dell’uomo. Per questo la procura di Genova ha appena chiesto due anni di carcere per il pm, per il reato di abuso d’ufficio in concorso con la donna (per lei la richiesta è di un anno e sei mesi).

Con Filippo Roma abbiamo raccontato per primi questa storia già in un servizio del 12 febbraio 2017, di cui sopra vedete un estratto e che vi riproponiamo integralmente qui sotto.
 
Tutto inizia nel 2015 con una separazione burrascosa, che si conclude con una denuncia della moglie contro il marito per maltrattamenti. “Non l’ho mai menata, non sono un tipo violento”, ci ha detto il marito. Il fascicolo viene assegnato al magistrato Vincenzo Ferrigno, che, non ritenendo fondate le accuse, richiede in un primo tempo l’archiviazione. La moglie presenta una nuova denuncia, Ferrigno chiede una nuova archiviazione.

La richiesta questa volta però viene respinta dal gip, che chiede al pm Ferrigno di fare ulteriori accertamenti. Ed ecco, proprio grazie ai nuovi accertamenti, il colpo di scena. Dopo qualche mese, il magistrato chiede la revoca dell’archiviazione e presenta una richiesta di arresti domiciliari per il marito della donna. Cosa ha fatto cambiare idea al magistrato?

Per scoprirlo, il marito assume un investigatore privato. E quello che viene fuori potrebbe spiegare l’improvvisa conversione del pm. Alcuni filmati mostrano infatti l’ex moglie che entra la sera a casa del magistrato Ferrigno per uscire furtiva la mattina dopo. Così, l’ex marito non ha più dubbi: convinto che fra i due sia nata una relazione fa un esposto, trasmesso poi ai magistrati di Genova che chiedono ora la condanna di Ferrigno e della donna.

La sentenza è attesa per la prossima settimana. Noi, come sempre, vi terremo aggiornati. 

Guarda qui sotto il servizio di Filippo Roma "Cosa fa il magistrato con la moglie dell'indagato?".

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.