>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Torturati, perseguiti e uccisi: la giornata per 70 milioni di rifugiati

Sono 70 milioni i rifugiati in tutto il mondo, tra loro 27 milioni sono bambini. Oggi 20 giugno l’Onu dedica un giorno a loro. Per dire basta a torture e discriminazioni, come quelle dei lager in Libia che vi abbiamo raccontato con Gaetano Pecoraro

Sono oltre 70 milioni i rifugiati nel mondo. Tra questi 27 milioni sono bambini fuggiti dalle guerre. Il 20 giugno è la Giornata mondiale dedicata a loro. L’obiettivo dell’Onu è quello di portare al centro dell’attenzione le condizioni di vita di richiedenti asilo e sfollati, costretti a fuggire da guerre e persecuzioni. Ma anche dalle torture, come ci ha raccontato il nostro Gaetano Pecoraro nella sua inchiesta sui centri di accoglienza in Libia che potete vedere qui sopra.

Secondo Save the Children, i 27 milioni di bambini rifugiati non hanno più accesso all’educazione. "Fino a quando la migrazione continuerà a essere affrontata come un’emergenza e non come un fenomeno strutturale, rischiamo di continuare a perdere intere generazioni di bambini”, denuncia l’organizzazione.

Anche noi de Le Iene ci siamo occupati delle condizioni in cui versano i migranti in Libia. Mentre nella capitale Tripoli si combatte in mezzo ci sono i civili e molti migranti chiusi in centri simili a lager.

Gaetano Pecoraro ha incontrato nove ragazzi che sono stati in questi centri dove non c’era cibo né lo spazio per sedersi, con appena due bagni per 800-900 persone. Uno di loro racconta di essere stato torturato fino a perdere i sensi, anche con l’elettricità. Raccontano di pestaggi all’ordine del giorno, con bastoni e catene. Molti poi finirebbero nelle mani di trafficanti di uomini che chiedono soldi per liberarli. Intanto in condizioni così disumane proliferano malattie come la scabbia ma anche la tubercolosi.

 

dopo il nostro servizio

Rita Bernardini denunciata per le piante di cannabis coltivate sul terrazzo di casa sua. La radicale, che si era già autodenunciata e da anni combatte per la legalizzazione della cannabis, sperava in un arresto per portare la questione al centro del dibattito pubblico: “Così si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere uguale per tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.