>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Rigopiano, la tragedia dell'hotel si poteva evitare? | VIDEO

È possibile che qualcuno avesse avvertito la prefettura del pericolo ore prima che la valanga travolgesse l’hotel Rigopiano, causando la morte di 29 persone? Roberta Rei e Marco Fubini hanno indagato su quanto accaduto

“I vigili del fuoco hanno fatto le verifiche e non c’è nessun crollo all’hotel Rigopiano”. Queste incredibili parole sono state pronunciate da una funzionaria della prefettura, rispondendo a una delle prime persone che chiamarono per dare l’allarme subito dopo il crollo dell’Hotel Rigopiano. La struttura è stata travolta da una valanga alle 16 e 47 del 18 gennaio 2017. Nella tragedia morirono 29 delle 40 persone presenti in quel momento: ci sono volute ore prima che l’allarme fosse creduto e la macchina dei soccorsi si mettesse in moto.

Nelle varie ricostruzioni della vicenda si è parlato di una tragedia inevitabile, causata da una combinazione di nevicata eccezionale e scosse di terremoto che hanno interessato l’area dell’hotel. Ma se le cose non fossero davvero andate così? Se fosse stato possibile evitare quella tragedia, ascoltando un grido d’allarme arrivato già ore prima che la valanga travolgesse la struttura e le persone che si trovavano lì in quel momento?

Roberta Rei e Marco Fubini hanno indagato su quanto è successo in quelle ore e sull’esistenza di una telefonata con una richiesta di soccorsi arrivata in prefettura la mattina di quel terribile 18 gennaio. Quella telefonata è però sparita dagli atti delle indagini? E se sì, perché? 

L'ultima puntata

Appuntamenti in TV

martedì e domenica ore 21.15, Italia 1

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.