>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Terra dei fuochi, don Patriciello: “I roghi di rifiuti? Un problema politico” | VIDEO

Padre Maurizio Patriciello, parroco di Caivano (Napoli), rilancia l’allarme incendi dolosi dei rifiuti. In questo video mostra la situazione della bretella di accesso all’autostrada a ridosso del Parco Verde: “Qui ci sono montagne di rifiuti che sono tutti roghi annunciati”

Per tutti è il prete anti-roghi della Terra dei fuochi. Padre Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, ha fatto di questa battaglia una missione di vita.

La camorra ha devastato le sue terre, tra Napoli e Caserta, sversando tonnellate di rifiuti tossici e bruciandoli quotidianamente a cielo aperto. Oggi il sacerdote rilancia l’allarme con un video, in auto con Luigi Leonardi, un testimone di giustizia, in cui ci mostra lo stato della bretella che porta all’autostrada a ridosso del rione Parco Verde di Caivano, uno dei ghetti più disastrati d'Italia.

Nel video che potete vedere qui sopra, vediamo sacchi, bottiglie e scarti di ogni genere accumulati nel tempo: “Questi sono tutti roghi annunciati”.

Più si corre lungo lo svincolo e più la situazione peggiora. Ai bordi ci sono i resti dell’ultimo incendio doloso, rifiuti carbonizzati e abbandonati al vento. Questo è un dramma nel dramma: “I nostri bambini e gli ammalati di queste zone hanno respirato tutta la diossina”, spiega don Patriciello. “Ma adesso questi resti sono altamente tossici. Si sente ancora l’odore di bruciato, che nessuno provvederà a togliere”.

Un copione che si ripete da anni e che la gente conosce bene: “La piazzola viene riempita e poi svuotata in questo modo. Queste ceneri verranno disperse dal vento e noi continueremo a respirarle. Intanto si accumula altra immondizia che verrà a sua volta bruciata da altri delinquenti”.

Don Patriciello non ha dubbi su chi deve intervenire per risolvere questa emergenza che si trascina da anni: “Il problema è politico, caro governatore De Luca. Il problema è vostro, cari fratelli. Se non lo risolvete voi, chi lo deve risolvere?”.

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.