>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Terremoto in Emilia, i furbetti della ricostruzione con i soldi pubblici | VIDEO

Lo Stato ha erogato 5 miliardi di euro per la ricostruzione dell’Emilia dopo il terremoto del 2012. Questa disgrazia per alcuni è stata un'occasione per arricchirsi. Così alcuni fienili sono diventati ville signorili pagate con soldi pubblici. Alessandro De Giuseppe è andato dai tecnici comunali che hanno permesso di ottenere questi finanziamenti

Fienili di campagna diventati ville signorili con soldi pubblici. È quanto sarebbe successo in alcuni casi dopo il terremoto che ha colpito l’Emilia. Alessandro De Giuseppe ci mostra domenica a Le Iene alcuni esempi dalla provincia di Ferrara.

Nel maggio 2012 quel sisma ha abbattuto centinaia di edifici uccidendo 28 persone e mettendo in ginocchio moltissime attività produttive. Per questo lo Stato ha assegnato quasi 5 miliardi di euro per la ricostruzione.

Alessandro De Giuseppe ci mostra come questa disgrazia per qualcuno sia diventato un modo per arricchirsi. Perché i progetti sarebbero stati gonfiati, così le percentuali per privati e tecnici sarebbero aumentate di conseguenza. Tutti ci hanno guadagnato, tranne lo Stato.

Siamo andati a parlare con i funzionari pubblici che hanno firmato questi progetti.

 

anticipazione

A Iene.it: aspettando Le Iene trascorriamo la notte di San Valentino con l'attivista Davide Acito in un canile, insieme ai cani salvati dai macelli in Cina. E per fare adottare la Rottweiler Deye e gli altri dolcissimi cani chiediamo l'aiuto di Massimo Boldi per arrivare a Joaquin Phoenix, il premio Oscar noto anche per le sue battaglie in difesa degli animali

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.