>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

In moto dal Cile alla Bolivia per vincere la droga a 15 anni | VIDEO

Un ragazzo di 15 anni con problemi di tossicodipendenza, una mamma disperata e Simone, un motociclista solitario, sono i protagonisti di questa storia. Che è anche una sfida: portare Natan dal Cile alla Bolivia per vincere le sue paure. Con loro c’è il nostro Matteo Viviani

Sconfiggere la droga con un lungo viaggio in moto dal Cile alla Bolivia? Si può e Matteo Viviani ha documentato questa impresa.  

Questa è la storia di Simone, 42 anni, e Natan, appena 15enne. Il primo è una specie di malato di avventura, aveva un ristorante ma un giorno molla tutto per viaggiare. Evita gli alberghi, lui viaggia low profile, dorme sotto le stelle, mangia con un fornello da campo, e così gira mezzo mondo. Non sa nemmeno quanti chilometri ha fatto. “Lo faccio per mettermi alla prova e per ritrovare la tranquillità”, dice.

Un giorno Simone riceve un messaggio su Instagram dalla mamma di un ragazzo sopraffatto dalle sue tossicodipendenze. Abbiamo incontrato la madre di Natan. Piange al pensiero della vita rovinata di suo figlio. “Non so cos’altro posso fare per aiutarlo”, racconta. “Ho provato tutto quello che potevo immaginare di fare. Dalle comunità di recupero usciva con la dipendenza dai farmaci che gli davano per combattere la dipendenza”. La mamma ha tentato di fare un po’ di tutto in 4 anni Natan entra ed esce da altrettante comunità del Canton Ticino. “Tutti i tentativi si trasformano in dipendenza da farmaco”, dice la mamma.

È la storia che la madre ha raccontato a Simone. Così è nata l’idea folle di portarlo con lui in un lungo viaggio in moto. “Per portarlo a vedere chi piange perché non ha da mangiare o un tetto sopra la testa, non perché gli manca la dose”, dice Simone. “Volevo far capire a mio figlio che la droga non era tutto”, aggiunge la mamma.

Simone conosce Natan attraverso le parole di sua mamma. Ha sempre posato pavimenti in legno e va a casa loro per un lavoro. “Era privo di interessi e passioni, se non la droga”, dice Simone parlando del 15enne. Iniziano a conoscersi giorno dopo giorno e nasce un’amicizia. “Ho iniziato a 11 anni”, gli racconta. “Ho provato di tutto, tranne l’eroina”. Insieme passano quasi sei mesi. Simone gli propone il viaggio da Santiago del Cile a Santiago de Huata in Bolivia attraverso il deserto, una prova di coraggio per entrambi. E lui accetta: “Basta che ci sia anche l’erba, come minimo. Ho paura dell’astinenza”, dice Natan.

A due giorni dalla partenza incontra Matteo Viviani: finora aveva ignorato il nostro zampino. “Non so se mi cambierà questa esperienza, penso di essere una persona difficile per chi mi sta vicino. Litigo spesso con mia madre”, ci racconta. “Sono stato al massimo tre giorni senza prendere niente. E si sta di merda”. Così li accompagniamo in aeroporto con la promessa di rivederci in Cile! Riusciranno ad arrivare a destinazione? E Natan supererà le sue paure? A queste domande troverete risposta nella secondo puntata di questa storia! 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.