>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ammazza e arrostisce gatto per strada, 21enne denunciato: “Ho fame” | VIDEO

È stato identificato il protagonista del video diventato virale in cui arrostisce un gatto fuori dalla stazione di Campiglia Marittima (Livorno). Si tratta di un 21enne originario della Costa d'Avorio, ospite fino a qualche tempo fa di un centro d’accoglienza: è stato denunciato per uccisione di animale

"Ho fame". Sono le parole che il 21enne ha ripetuto più volte davanti ai carabinieri che l’hanno portato in caserma. A pronunciarle è l’uomo che arrostisce un gatto in mezzo alla strada e che si vede nel video choc diventato virale di qui sopra. Siamo nei pressi della stazione ferroviaria di Campiglia Marittima, un paese di 12mila abitanti in provincia di Livorno.

Da noi i gatti non si mangiano! Si tengono in casa”, gli urla una donna. Sul marciapiede si vede qualche asse di legno, cenere e fumo alzarsi dalla carcassa dell’animale. “Guarda che cosa stai facendo. Ora ti mando io in galera”, dice la donna rivolgendosi al ragazzo. “Hai i soldi per comprarti le sigarette e non il pane? Vergognoso, schifoso”, urla la passante. Quei due minuti di filmato hanno totalizzato milioni di visualizzazioni in poche ore e migliaia di commenti di persone indignate. In tanti hanno allertato i carabinieri che sono riusciti a identificare il responsabile.

Si tratta di un 21enne proveniente dalla Costa d’Avorio. In base a quanto trapela dalle testate locali, sarebbe stato ospite di un centro di accoglienza. Da qui sarebbe mancato da qualche tempo e risulterebbe essere senza fissa dimora. Sono in corso gli accertamenti da parte dei carabinieri per capire se si trova regolarmernte sul territorio italiano. Ora deve rispondere di uccisione di animale.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.