>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Matteo Gamba |

Generazione Covid, Alessandro: “Dopo la laurea solo risposte per il porta a porta (con l'inganno)”

Secondo appuntamento del nostro viaggio-inchiesta in uno dei mondi più colpiti dalla crisi economica da pandemia, quello dei neolaureati, costretti a stare o tornare a casa dai genitori mandando centinaia di curriculum nel nulla, tra stage cancellati e aziende che non ce la fanno ad assumere. Dopo Giulia Biagini e due esperti del settore, ecco cosa ci ha raccontato Alessandro Caré, 25 anni, 110 e lode alla Sapienza, disposto a fare qualsiasi cosa per uno stipendio vero, anche basso. Tra le proposte di “lavori truffa” e le sue lacrime

“Come Giulia anch’io sono appena laureato con 110 e lode alla Sapienza di Roma e da allora mando centinaia di curriculum, in risposta ricevo solo proposte per quelli che io chiamo ‘lavori truffa’ porta a porta”.

Cliccando qui, potete trovare il racconto di Giulia Biagini, 27 anni: “110 e lode con futuro da commessa (speriamo)?” assieme alle analisi e ai dati di due esperti del settore che abbiamo pubblicato mercoledì sorso. Era la prima tappa di un viaggio-inchiesta per raccontare quella che abbiamo chiamato la Generazione Covid, troppo spesso trascurata da media e politica. Si tratta di una delle realtà più colpite dalla crisi economica da pandemia: quella dei neolaureati, costretti a stare o tornare a casa dai genitori mandando centinaia di curriculum nel nulla, tra stage cancellati e aziende che non ce la fanno ad assumere. Continuiamo a parlarne con il racconto di Alessandro e continueremo ancora, viste anche le tante segnalazioni che ci state mandando (scriveteci per raccontarcele e contattarci su redazioneiene@mediaset.it).

“Mi sono laureato il 25 settembre con 110 e lode in Archeologia alla Sapienza di Roma”, racconta a Iene.it Alessandro Caré, 25 anni, di Santa Maria delle Mole, zona Castelli Romani, curriculum di prim’ordine, tra scavi, convegni, tre lingue e competenze informatiche (l’ha mandato anche a noi, sì: sarà l’abitudine, soprattutto per ribadire la sua situazione). “Lo sapevo già prima che Archeologia non è il massimo per trovare un lavoro, anche se qui nella capitale, con tutta questa storia e questo patrimonio artistico e culturale, ci sono molte possibilità con i milioni di turisti che arrivano. Mi sono laureato con una tesi sperimentale sull’isola Tiberina nell’Alto Medioevo, un periodo meno studiato di altri e che offre più possibilità di occupazione di altri, più inflazionati. Non ho ho troppi grilli per la testa: già nel 2019 avevo iniziato a lavorare con le gite scolastiche, incassando 120 euro e spendendone 180 in libri per prepararmi. Poi il lockdown le ha bloccate. E la pandemia ha fermato anche l’arrivo dei turisti, soprattutto dall’estero”.

Risultato dopo la laurea?
Finita la festa, ho posato la corona di alloro e mi sono messo al computer a inviare curriculum. Ci passo un’ora e mezzo al giorno spedendone 20/30 ogni volta e iscrivendomi a qualsiasi tipo di sito per la ricerca di un’occupazione, anche a pagamento. Ho iniziato presto a cercare qualsiasi tipo di lavoro, anche non nel mio settore: mi va bene tutto. Rispondono solo ‘lavori truffa’: ti offrono posti da magazziniere, segretario, back office, commesso. Mi vanno bene. A verifica di colloqui in presenza o a distanza, però, ti dicono sempre: ‘C’è rimasto solo questo, porta a porta, a provvigione’. Finora mi sono imbattuto solo in un lavoro ‘serio’, almeno con uno stipendio, ma non è andata bene”.

Che lavoro era?
Venditore per una compagnia telefonica. Ho fatto 4 giorni di prova gratuita. All’inizio eravamo in dieci, alla fine sono rimasto solo io. Obiettivo: 700 euro mensili per 40 ore settimanali 6 giorni su 7 con giorno di pausa variabile. Mi hanno detto che mi vestivo male. Mi ero presentato in jeans e felpa normalissimi, ho messo giacca e cravatta d’ordinanza ma mi hanno scartato lo stesso”.

E quelli che chiami ‘lavori truffa’?
“Ti dicono che vogliono offrirti mansioni con uno stipendio fisso. Io dico e scrivo sempre che non sono interessato a lavori porta a porta: con tutto il rispetto, non mi sento portato e poi non c’è uno stipendio fisso, anche minimo. Guadagni solo in base a quello che riesci a ‘piazzare’ entrando in casa delle persone e cercando di convincendole. Mi rispondono sistematicamente che non si tratta di quello e poi a verifica scopro che c’è solo quell’offerta. Li chiamo ‘lavori truffa’ per questo: basterebbe scrivere subito che si tratta di un lavoro di questo tipo. Se una persona è interessata, contatta e nessuno perde tempo, energie, speranze e spostamenti. Visto che succede sempre, c’è l’inganno consapevole”.

Un esempio?
“‘Servizi ai clienti per nuova apertura’. Scrivo che non sono interessato a lavori porta a porta. ‘No, No, non si preoccupi’. Mi presento, un signore molto elegante guarda il mio curriculum e mi dice: ‘Guardi, lo studio non serve più a nulla. Tutti gli altri lavori sono pieni, c’è solo questo porta a porta’. Succede sistematicamente, ormai con tantissimi altri ragazzi abbiamo imparato un trucco per difenderci e risparmiare tempo”.

Quale?
Basta mettere la via in cui si trova la sede del colloquio su Google e compaiono gli avvisi di altri malcapitati: ‘lavoro truffa’ (ho imparato così la formula), ‘lavoro sòla’, ‘lasciate perdere’ con descrizione di cosa ti aspetta ai colloqui. Almeno si risparmia tempo. Io vorrei solo un lavoro vero e serio, con uno stipendio vero, anche basso: magazziniere, commesso, segretario, va bene tutto in questo momento di crisi con la pandemia, poi vedremo. Sono pronto a fare di tutto, almeno per avere la mia indipendenza dai genitori: vivo ancora con loro, mi mantengono loro, a 25 anni. I ragazzi hanno voglia eccome di darsi da fare ma il lavoro non c’è e nessuno sembra volersene occupare davvero, governo per primo”.

Vi sentite abbandonati?
“Sì, un giorno sono scoppiato a piangere in casa. Mia sorella mi ha detto: ‘Quella che stai vivendo è una realtà finta legata al coronavirus, le cose cambieranno quando finirà tutto questo’. Già, ma quando finirà? E nel frattempo? Continuiamo a vivere a casa dei genitori senza fare nulla a parte mandare curriculum?”.

Finisce l’intervista. Alessandro ci ricontatta 10 minuti dopo: “Mi hanno chiamato per un colloquio, ho controllato, era l’ennesimo ‘lavoro truffa’”.

Questa è la seconda tappa del nostro viaggio-inchiesta, noi continueremo a dar voce a questi ragazzi e al loro appello collettivo alla politica. Se volete raccontarci la vostra testimonianza scriveteci su redazioneiene@mediaset.it.

Leggi anche

Giulia Biagini, 27 anni, 110 e lode in aprile in Comunicazione digitale alla Sapienza di Roma, è il simbolo del dramma di migliaia di neolaureati in mezzo alla crisi da coronavirus: “Ho mandato oltre mille curriculum, nessuna risposta: prima del Covid era impensabile. Sono andata a lavorare per un’agenzia immobiliare a 500 euro al mese, altri compagni di università fanno i camerieri o le commesse. Siamo come fantasmi, senza un presente e senza un futuro: possibile che il governo non si occupi anche di noi giovani?”. Prima puntata di un viaggio nell’Italia del mezzo milione di stage ogni anno, appena dimezzati dall’emergenza coronavirus

Ultime News

Vedi tutte
Loading