>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il terrore e le lacrime: i nuovi video su arresto e morte di George Floyd, che hanno scatenano la protesta globale

Il tabloid britannico Daily Mail pubblica in esclusiva le immagini riprese dalle bodycam dei poliziotti americani durante l'arresto e la morte di George Floyd, con la testa tenuta schiacciata a terra alla fine dal ginocchio di un agente, che ha scatenato l'indignazione e le proteste negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Mostrando il terrore, le implorazione, le lacrime del 46enne afroamericano

“Così morirò”. Il tabloid britannico Daily Mail ha pubblicato in esclusiva due video dell’arresto di George Floyd il 25 maggio scorso a Minneapolis (Minnesota, Usa): il 46enne afroamericani morirà pochi minuti dopo tenuto fermo a terra con il ginocchio di uno degli agenti sul collo: qui trovate il primo video diffuso al tempo e ripreso da un passante. Le nuove immagini del Daily Mail contengono momenti drammatici e possono turbare di la sensibilità di qualcuno e dei minori: cliccando qui potete vedere i due nuovi video.

Le nuove immagini durano 8 e 18 minuti e sono riprese dalle bodycam, la telecamera che i poliziotti americani tengono addosso per registrare le loro azioni e cosa avviene attorno a loro. la morte di George Dloyd ha scatenato le proteste contro le violenze della polizia sugli afroamericani negli Stati Uniti. In prima fila si è schierato il movimento Black Lives Matter. Le manifestazioni contro il razzismo hanno coinvolto poi tutto il mondo.
 
“Per favore, non spararmi amico". "Ho appena perso mia madre, amico” dice di George Floyd, quando gli agenti Alexander Kueng e Thomas Lane, si avvicinano alla sua auto e gli puntano la pistola. Floyd è accusato di aver usato un biglietto da 20 dollari falso. Si vede il terrore sul suo volto fin da subito. È in lacrime, dice di soffrire di claustrofobia e di attacchi di panico: “Morirò in questo modo”.

Viene portato via dalla sua auto, fatto sedere e identificato, tenuto a distanza mentre gli agenti interrogano due testimoni, perquisito, ammanettato, fatto entrare a forza inutilmente nella macchina della polizia e poi messo a terra, con il ginocchio di un altro agente intervenuto, Derek Chauvin, sul collo. Implora più volte i poliziotti. Grida “mamma” e l’ormai tristemente celebre “I can’t breathe”, “Non posso respirare”. Il secondo video parte dalla chiamata da un negozio per i 20 dollari falsi e mostra l’accaduto dalla bodycam di un altro agente, arrivando fino a questi ultimi drammatici momenti.

Un tribunale del Minnesota starebbe indagando, secondo quando riporta il quotidiano canadese Toronto Star, su come il Daily Mail ha ottenuto questi video. ll mese scorso un giudice della contea di Hennepin aveva permesso a giornalisti e membri del pubblico di visionare il filmato su appuntamento ma senza autorizzare la diffusione delle immagini al pubblico.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.