>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ex Ilva, i commissari: “Da ArcelorMittal capitalismo d'assalto” | VIDEO

Per i legali dei commissari dell’ex Ilva, ArcelorMittal starebbe praticando “un capitalismo d’assalto” ai danni della fabbrica di Taranto. Una denuncia che suona inquietantemente simile a quella raccolta da Gaetano Pecoraro a Liegi, dove la multinazionale angloindiana ha prima acquistato e poi chiuso l’acciaieria del posto

Durissimo attacco dei commissari dell’ex Ilva ad ArcelorMittal, l’azienda che vuole ritirarsi ora dalle acciaierie di Taranto. Nel corso del contezioso civile in corso a Milano, i legali dei commissari straordinari nominati dal governo hanno presentato una memoria in cui criticano aspramente la multinazionale angloindiana e i suoi metodi di lavoro. Secondo loro la ditta starebbe portando avanti “consuete logiche” di “un capitalismo d’assalto”: insomma, sembra la stessa denuncia che alcuni ex dipendenti di ArcelorMittal avevano fatto al nostro Gaetano Pecoraro.

I legali dei commissari non si fermano qui e spiegano: le logiche d’assalto sarebbero quelle per le quali “se a valle dell’affare concordato si guadagna allora ‘guadagno io’, mentre se invece si perde ‘perdiamo insieme’”. Il gruppo, sempre secondo i legali, starebbe quindi cercando di dimezzare “surrettiziamente” l’occupazione, portandola da 10.700 dipendenti ad appena 5.700, riporta il quotidiano La Repubblica.

Non è la prima volta che sentiamo parlare di questo presunto tipo di logica nelle scelte aziendali di ArcelorMittal, la multinazionale angloindiana che da qualche anno si è impegnata con Ilva. Nel servizio di Gaetano Pecoraro, che potete rivedere cliccando qui, i commissari della fabbrica di Taranto parlavano di una precisa strategia industriale, in riferimento ai licenziamenti annunciati, tesa a “uccidere un proprio importante concorrente nel mercato europeo”.

La tesi sarebbe questa: ArcelorMittal comprerebbe le mega acciaierie concorrenti con il solo scopo di chiuderle. A denunciare questa possibile attività sono stati anche gli ormai ex dipendenti di una fabbrica a Liegi, in Belgio: “Si diminuisce il personale, si licenziano gli operai e ogni volta si accetta e si crede che andrà bene così”, ci dice l’ex operaio Frederich. “Alla fine chiudono tutto”.

La storia dell’acciaieria di Liegi sembra, per molti aspetti, simile a quella di Taranto. Una industria enorme che dava lavoro a diecimila persone. Ma dopo l’arrivo di ArcelorMittal, le cose sono cambiate. Potete rivedere la vicenda nel servizio di Gaetano Pecoraro che trova in testa a questo articolo.

E mentre si discute a suon di carte bollate sul futuro dell’acciaieria, il presente degli operai è parimenti inquietante: nella notte ci sono state tre violente esplosioni all’interno della fabbrica che solo per miracolo non hanno ferito nessuno. Questi eventi però, secondo i sindacati, mostrano il disperato bisogno di manutenzione che c’è negli stabilimenti. Le nuvole grigie sopra all’ex Ilva di Taranto, insomma, continuano ad addensarsi. 

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.