>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Leosini: "Donne che subiscono violenza complici". Filomena: "Sbagliato puntare il dito" | VIDEO

Intervistata da La Stampa Franca Leosini torna sulla frase che ha scatenato le polemiche mesi fa. Filomena Lamberti, sfregiata con l’acido dall’ex marito, risponde: “Io ho vissuto trent’anni di violenza, ma non perché lo volevo. Da fuori non si può giudicare”

“Se una accetta di subire una situazione diventa non dico responsabile, ma complice del suo carnefice. Dico a tutte le donne che al primo schiaffo devono scappare”. Così Franca Leosini, autrice e conduttrice di Storie Maledette, risponde a La Stampa a proposito di quanto la stessa giornalista aveva detto a giugno scorso durante una puntata del suo programma. Rivolgendosi a Sonia Bracciale, accusata di essere la mandante dell’omicidio del marito violento, la conduttrice aveva detto: “La responsabilità ce l’ha anche lei come tutte le donne che non mollano il marito al primo schiaffone”. Un’affermazione che aveva suscitato molte polemiche, perché letta come una responsabilizzazione delle donne che subiscono violenza.

Filomena Lamberti, vittima di violenza che abbiamo conosciuto con Nina Palmieri, non condivide le parole usate dalla Leosini mesi fa. La coraggiosa donna di Salerno che ci ha raccontato la sua terribile storia è stata sfregiata con l’acido dal marito nel 2012. “Se si accetta il primo schiaffo si apre una strada alla violenza”, dice Filomena nel video inviato a Iene.it che potete vedere qui sopra. “Ma il messaggio che la Leosini ha lasciato passare non va per niente bene, perché le donne quando vivono accanto a un uomo violento a volte credono di essere loro quelle sbagliate. Bisogna spiegare loro invece che non è così”, dice Filomena. “Purtroppo a volte ci sono situazioni che uno da fuori non può giudicare, non può puntare il dito. Io ho vissuto trent’anni di violenza, ma non perché volevo. Ho vissuto accanto a un uomo violento, ho dato la priorità ai miei figli, per farli crescere, perché non avevo un’indipendenza economica. Oggi se potessi tornare indietro anche senza un centesimo prenderei i miei figli e scapperei. Io non credo di essermi meritata ciò che il mio ex marito mi ha fatto”. Filomena parla anche della violenza psicologica che subentra in queste situazioni. “Quella non si può dimostrare e a volte l’uomo è così furbo da farti passare per pazza”.

I medici legali di Tor Vergata avrebbero trovato una ferita di 7 centimetri sul cuore del 21enne ucciso a Colleferro e gli organi interni tutti lesionati. A parlarci della brutalità del branco che avrebbe infierito su Willy Monteiro Duarte era già stato un testimone indiretto della rissa: “Gabriele gli ha dato un calcio al torace e un pugno alla tempia, poi una volta a terra lo hanno colpito tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.