>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Malika Ayane e Ghemon: dalla musica al Covid l'intervista a due inguaribili romantici | VIDEO

Malika Ayane e Ghemon cantano insieme “Inguaribile e romantico” e rispondono alla nostra raffica di domande su musica, sesso, Covid, maschilismo, depressione e molto altro

“Il romanticismo è sempre di moda”. Non a caso, Malika Ayane e Ghemon cantano insieme “Inguaribile e romantico”. E a proposito di romanticismo, Malika dice che “si teme sempre di fare la figura dei polli”.

Ci andrebbero ad Amici? “Sì”, rispondono entrambi. E a X Factor? “Non lo so”, dice Malika. Perché? “A X Factor si cercano popstar, ad Amici si fa un percorso di formazione per aspiranti artisti”.

Rimaniamo un po’ da soli con Malika: il maschilismo nella musica esiste? “Accidenti! Ad esempio se noi cantiamo canzoni di amore disperato siamo delle poverette, gli uomini invece sono dei poeti che capiscono la vita”.  E ci racconta di aver subito body shaming “molto spesso". "Se prendo tre chili sono incinta, se ne perdo tre sono malata, se mi vesto in un certo modo chi mi credo di essere?”. Mai subito molestie? “Non sul lavoro”, dice. “Ma l’uomo ti commenta per strada e quella è una molestia”.

Ghemon ci racconta della depressione: “L’ho avuta: non mi interessava e non mi stimolava niente”. Ha mai pensato di togliersi la vita? “Sì e credo che capiti a tutti, non sto dicendo niente di strano”. Psicofarmaci? “Le medicine non sono risolutive. La medicina è una stampella, il resto del lavoro lo fa la persona”.

Con entrambi sfatiamo i luoghi comuni dei cantanti e parliamo anche di sesso. Meglio una sana cilecca o un sacco di sesso col Viagra? “Una cilecca, anche perché poi reggilo uno col Viagra”, dice Malika. Ma Ghemon non è d’accordo.

Parlando di Covid: come si passa il Natale quest'anno? “Nuclei molto piccoli”, dice Ghemon. “Se siamo sani di mente lo facciamo chiusi in casa”, risponde Malika. 

Ultime News

Vedi tutte
Loading