>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

È morto Philippe Daverio: storico d'arte ed ex assessore di Milano

Avrebbe compiuto 71 anni il prossimo 17 ottobre. È morto stanotte Philippe Daverio, docente e saggista, volto noto della tv, ex assessore alla cultura del comune di Milano

È morto questa notte Philippe Daverio. Lo storico d’arte aveva 70 anni, ne avrebbe compiuti 71 il prossimo 17 ottobre. Docente e saggista, scrittore e volto noto della tv, ex assessore alla cultura del comune di Milano si è spento questa notte all'istituto dei Tumori di Milano. Lo ha reso noto la regista e direttrice del Franco Parenti Andree Ruth Shammah.

Daverio era cittadino onorario di Bobbio, un borgo in provincia di Piacenza. Proprio per questo un anno fa è scoppiata la polemica che vi abbiamo raccontato a Le Iene con Ismaele La Vardera (qui il servizio). Polemica finita con un gemellaggio tra i due borghi: Bobbio e Palazzolo Acreide (Siracusa).

"Amico mio, il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina", scrive Shammah su Instagram. "Un uomo di grande cultura, simpatia e umanità. Una grande perdita per Milano e per tutti. Sono molto addolorato per la sua scomparsa", aggiunge Emanuele Fiano. "Una gravissima perdita per il Paese, per Milano, per la cultura, per tutti noi", commenta il presidente dell'Anpi provinciale di Milano Roberto Cenati. 

I medici legali di Tor Vergata avrebbero trovato una ferita di 7 centimetri sul cuore del 21enne ucciso a Colleferro e gli organi interni tutti lesionati. A parlarci della brutalità del branco che avrebbe infierito su Willy Monteiro Duarte era già stato un testimone indiretto della rissa: “Gabriele gli ha dato un calcio al torace e un pugno alla tempia, poi una volta a terra lo hanno colpito tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.