>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Le Iene per Nadia / 2: l'inchiesta sull'Ilva di Taranto, i bambini e le magliette per l'ospedale | VIDEO

In questa seconda parte de Le Iene per Nadia, raccontiamo la sua inchiesta sull’Ilva con le storie di chi ha perso una persona cara e l'incontro con i bambini malati di tumore. Sostiene le magliette "Ie Jesche pacce per te!": con il loro acquisto e un’asta di beneficenza a cui partecipa tutta Italia il reparto di oncologia pediatrica nell’ospedale di Taranto diventerà realtà e verrà intitolato a lei

Nella prima parte de Le Iene per Nadia ve la abbiamo raccontata dal suo primo servizio al malore che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino al suo ritorno in onda. Ora ci concentriamo sulla sua battaglia per Taranto e contro l’inquinamento dell’Ilva.

Nel 2013 esce uno studio che sostiene come a Taranto si muore per alcol e sigarette. Nadia vuole farne un servizio con Riccardo Spagnoli per dimostrare che la causa è altro. La sua inchiesta sull'inquinamento dell’Ilva parte dall'incontro di Vincenzo del quartiere Tamburi, uno dei più colpiti dai fumi dell’acciaieria: ci racconta quanti suoi parenti, amici e conoscenti sono malati di tumore. Ci sono anche bambini che non potevano giocare nemmeno nei parchi, contaminati. Tutto il quartiere è tinto di rosa dalle polveri dell'Ilva. 

Nel giro di poche ore a Taranto riesce a farsi amare da tutti. Anche dai più piccoli che le raccontano che cos’è per loro l'Ilva e perché perdono i capelli. C'è anche Gabriella, la bimba che poi, dopo aver saputo cosa è successo a Nadia, le manderà un videomessaggio: "Non preoccuparti per i capelli perché crescono più forti e più lunghi di prima”.

A Taranto Nadia conosce anche un barista e la sua maglietta speciale per gli amici del quartiere Tamburi, quella con la scritta "Ie Jesche pacce per te!", io esco pazzo per te. Nadia la fa comprare in tutta Italia per aiutare l'ospedale di Taranto. Grazie a questo e alle donazioni, qualche anno più tardi apre il reparto di oncologia pediatrica che verrà intitolato a lei. I tarantini la accolgono come una di loro e la ringraziano anche con la cittadinanza onoraria

Nel 2013 arriva a Le Iene Teo Mammucari, lei decide di dargli il benvenuto particolare con uno scherzo: prova a farlo innamorare di lei.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.