>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il medico Oliviero attacca Le Iene e riparte con le sue teorie: le mascherine persino dannose | VIDEO

Giulia Innocenzi ci aveva raccontato delle prese di posizione molto particolari del medico Francesco Oliviero, che era arrivato a dire che con vaccini e tamponi si potevano iniettare nanochip in grado di controllare le nostre menti e perfino di provocare infarti a distanza. Ci eravamo chiesti perché l’Ordine dei Medici non prendesse iniziative a riguardo e adesso Oliviero interviene in una lunghissima diretta web per dire la sua: “Perché non si interviene contro i giornalisti che diffondono il terrore nelle persone?”. E poi ribadisce: “Non mi farò vaccinare, spero non diventi obbligatorio”

Francesco Oliviero, il medico di cui vi abbiamo raccontato nel servizio di Giulia Innocenzi che potete rivedere qui sopra, va all’attacco, replicando alle critiche avanzate da noi de Le Iene in merito ad alcune sue posizioni alquanto singolari. L’ultima, che potete rileggere in questo articolo, è riassumibile così: coi vaccini e forse anche con i tamponi si possono inoculare nanochip in grado di controllare le nostre menti attraverso il 5G e perfino di provocare infarti a distanza.

Francesco Oliviero risponde ai nostri servizi intervenendo in una lunga diretta web postata dal canale “ogginotizie.info”, durante la quale conferma nuovamente il suo pensiero. E a sua volta punta il dito contro Le Iene e il servizio di Giulia Innocenzi. Ecco le principali cose affermate dal medico. 

Innanzitutto contesta che l’origine del virus sia naturale, come ampiamente confermato dalla scienza. "Che il virus venga dal pipistrello cinese è una cosa ampiamente smentita. Invece probabilmente il virus ha un’origine artificiale, come è stato sostenuto da illustri scienziati, anche premi Nobel". 

Poi continua la sua disamina contestando che il coronavirus abbia provocato numerose morti in tutto il mondo. “Finora nel mondo, a dieci mesi dall’inizio ufficiale, il numero di morti ha superato da poco 1,5 milioni. Nel mondo ogni anno muoiono 7 milioni di persone soltanto per patologie dell’apparato respiratorio”. E in Italia “abbiamo avuto un tasso di morti per Sars-CoV2 dello 0,1%, non mi sembra proprio che siamo di fronte a una situazione cosi tragica. Quello che è tragico è il panico che si è diffuso”. Quindi secondo questo medico il problema del coronavirus non sarebbero le morti che provoca, ma la paura generata.

Il dottore passa poi a denigrare persino la validità dei tamponi, come aveva fatto in una telefonata di cui vi abbiamo fatto sentire la registrazione nel servizio sopra. “I tamponi hanno fino al 90% di falsi positivi. Conosco persone da più di 2 mesi e mezzo a casa, ancora oggi, portatori sani asintomatici.Questo fa comprendere come quella dei tamponi sia un po’ una lotteria”.

E poi attacca persino le organizzazioni mondiali che si occupano della pandemia. “Sappiamo che il finanziatore principale dell’Organizzazione mondiale della sanità è Bill Gates, un personaggio inquietante che vorrebbe vaccinare 7 miliardi di persone”.

Ce l’ha persino con le mascherine, che non solo “non servono a nulla”, ma sarebbero persino dannose: “Creano una sorta di terreno di coltura per batteri, virus e funghi, che albergano normalmente nel nostro cavo orale...”.

E sull’avvio delle vaccinazioni, Oliviero sembra non avere alcun dubbio: “Io non mi farò pungere, non ritengo che il vaccino sia una soluzione”.

Una sequela di dichiarazioni degne del miglior negazionista. Peccato che a parlare sia un medico. Che infatti, come lui stesso spiega, ha a suo carico un procedimento disciplinare da parte della Federazione degli ordini dei Medici. Lui si difende così: “Oggi qualsiasi medico che osa andare contro il mainstream dello scientismo dogmatico, della visione unica su Sars coV2, riceve questo procedimento”. Vedremo, nel suo caso, come andrà a finire.

 

 

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading