>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

L'avvocato si tiene 10mila euro del risarcimento e corregge i documenti a penna: condannato | VIDEO

Con Matteo Viviani vi abbiamo raccontato nel 2016 la storia dell’avvocato Felice Recupero che avrebbe trattenuto 10mila dei 17mila euro di risarcimento per un incidente del suo cliente e amico Alfio Coco. Con tanto di documenti corretti a pena. Oggi il legale è stato condannato

Condannato l’avvocato e assolto il cliente. Si è risolto così in primo grado questo caso di cui vi abbiamo parlato nel 2016. Con Matteo Viviani, come vedete nel servizio qui sopra, abbiamo incontrato Alfio Coco che, dopo un grave incidente con la sua moto da cross per un cavo d’acciaio ad altezza uomo in mezzo a una strada sterrata che gli aveva squarciato il collo, aveva chiesto un risarcimento a una compagnia telefonica che non aveva sistemato quel cavo caduto per il maltempo.

Lui si rivolge a un avvocato e amico: Felice Recupero che conosceva fin da quand’era piccolo. Ha massima fiducia in lui. Dopo i 20mila euro di cui aveva parlato all’inizio, l’avvocato gli dice che si può chiudere a 7.728 euro (a Coco ne sarebbero spettati poco più di cinquemila viste le spese legali). Alfio firma senza leggere le carte. Si accorge soltanto dopo che c’erano delle cancellature a penna sulla cifra.

Chiede allora spiegazioni al legale e questa volta, come potete sentire qui sopra, registra tutto. Recupero si accontenta allora di 700 euro di spese legali in contanti oltre ai 200 anticipati in precedenza. Alfio si mette però direttamente in contatto con l’assicurazione: avrebbero pagato 17.728 euro, insomma 10mila di più. Quelle cancellature a penna avrebbero eliminato l’1 davanti al 7… Torna furioso dall’avvocato con il sospetto che quei 10mila euro mancanti se li sia tenuti lui e registra di nuovo tutto. “È la mia parte”, dice Recupero di quei soldi. E la discussione prende, come sentite, toni parecchio accesi. L’avvocato lo denuncia allora per stalking.

Matteo Viviani va a parlare direttamente con l’avvocato, portandogli almeno un bianchetto per non cancellare a penna! Felice Recupero difende la sua posizione con la Iena invitandoci pure nel suo ufficio in una conversazione quanto meno paradossale. Anche perché c’è un’email che precisa quelli che dovevano essere i suoi compensi (2.500 euro, non 10mila più altri 900).

Questo era quello che vi raccontavamo nel 2016. Oggi il giudice monocratico di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) ha condannato in primo grado l’avvocato a un anno e mezzo (pena sospesa in collegamento con l'avvenuto risarcimento) e al pagamento di 9mila euro al cliente ed ex amico Alfio Coco, che è stato assolto dalle accuse di stalking del suo legale.

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading