>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Può una bambola con disabilità aprire la mente di un bambino? | VIDEO

Abbiamo dato ad alcuni bambini quattro bambole di cui due con disabilità. Possono queste bambole aprire la mente di un bambino? “Assolutamente sì”, ci ha detto la psicologa dell’infanzia Francesca Santarelli

Da un piccolo laboratorio nella Spagna orientale è partita la rivoluzione: le bambole Miniland con sindrome di Down, elette giocattolo dell’anno per la loro capacità di insegnare ai bambini valori come la tolleranza e la ricca diversità di ciò che ci circonda. I giocattoli inclusivi sono la sfida del futuro.

Può una bambola con disabilità aprire davvero la mente di un bambino? Lo abbiamo chiesto alla psicologa dell’infanzia Francesca Santarelli. “Assolutamente sì”, ha risposto. “Perché il bambino rappresenta se stesso attraverso il gioco e, ancor di più, il bambolotto nelle mani di un bambino assume veramente le sembianze di un essere umano. Sviluppano quella che è la capacità più grande che un bambino possa avere, che è l’empatia”.

Così, con Alessandro Di Sarno, abbiamo dato ad alcuni bambini quattro bambole di cui due con disabilità. E, dopo un po’, quelle bambole si sono trasformate in realtà: i piccoli hanno infatti conosciuto Giulia Lamarca, psicologa che dopo un incidente è su una carrozzina e vive con l’amore della sua vita, e Andrea, fisioterapista e suo marito con cui sta progettando il giro del mondo. 

Ultime News

Vedi tutte
Loading