>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Condannato per infanticidio, Rasero grida la sua innocenza | VIDEO

Antonio Rasero si trova in carcere con la condanna a 26 anni per il più terribile dei delitti: l’uccisione di un neonato. Ma, a detta sua e dei suoi avvocati, sarebbero venuti fuori nuovi elementi che dimostrerebbero la sua innocenza

È la sera del 15 marzo 2010 quando Antonio Rasero incontra Katerina Mathas, che conosce da poche settimane e con la quale ha un rapporto basato su sesso e cocaina. Insieme vanno nel monolocale di Antonio a Genova e lei porta con sé il suo bambino Alessandro. Stando al racconto che entrambi hanno fornito, si accorgeranno solo la mattina dopo che il piccolo Alessandro è morto e ha la testa tumefatta.

Oggi Antonio Rasero è detenuto nel carcere di Genova con una condanna a 26 anni per l’uccisione del piccolo Alessandro. Quest’uomo ci ha contattato perché, a detta sua e dei suoi avvocati, sarebbero venuti fuori nuovi elementi che dimostrerebbero la sua innocenza. “Io il ‘mea culpa’ lo posso fare per l’uso di cocaina”, dice Antonio al telefono con Nina Palmieri. “Ma la mia colpevolezza si ferma lì”, continua. “Io ho la certezza di essere innocente”.

Ultime News

Vedi tutte
Loading