>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

David Rossi, il presidente della commissione d'inchiesta: “Alcuni elementi della tesi del suicidio non ci convincono” | VIDEO

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

Il presidente della commissione parlamentare sulla morte di David Rossi, Pierantonio Zanettin, interviene al termine della missione a Siena della commissione che indaga da marzo sulla morte del capo della comunicazione Mps volato giù nel 2013 dalla finestra del suo ufficio. Lo fa parlando anche di “lacune gravi” e “superficialità” nella prima inchiesta e lanciando un appello. Su questo caso noi de Le Iene siamo in prima linea da 4 anni con Antonino Monteleone e Marco Occhipinti, chiedendoci proprio se si è trattato davvero di un suicidio, come il caso è stato archiviato dai giudici, o di un omicidio

“Ci sono elementi che hanno portato alla tesi del suicidio che ci lasciano perplessi, non ci convincono del tutto, chiederemo una nuova perizia tecnica e anche un accertamento sui tabulati telefonici. Sicuramente ci sono delle lacune gravi nella prima inchiesta, la seconda ha scontato il fatto che è stata svolta a distanza di anni. Nella prima inchiesta ci sono aspetti di superficialità che lasciano perplessi”.

La dichiarazione, molto importante, del presidente della commissione parlamentare d'inchiesta sulla morte di David Rossi, Pierantonio Zanettin, arriva in conferenza stampa al termine della missione di due giorni a Siena di una delegazione della commissione stessa per effettuare un sopralluogo e ascoltare le testimonianze di alcuni personaggi fondamentali. L'obiettivo della commissione è cercare di chiarire tutti i dubbi sulla morte del capo della comunicazione Mps, volato giù il 6 marzo 2013 dalla finestra del suo ufficio nella mezzo di una bufera giudiziaria, mediatica e finanziaria.

“Vogliamo arrivare al termine del nostro lavoro con la produzione di una documentazione tecnica e per questo abbiamo deciso di effettuare delle perizie e tra queste la simulazione della caduta dalla finestra attraverso un manichino di uguale peso e misura di Rossi”, aggiunge Zanettin, che lancia anche un appello a parlare a chi può avere informazioni: "Ora è l'ultima occasione per trovare la verità, possono rivolgersi a noi".

Noi de Le Iene siamo da quattro anni in prima linea nel cercare di chiarire i molti dubbi e misteri che sembrano ancora aperti in questo caso con 16 servizi e uno Speciale di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti. Lo facciamo partendo sempre da un primo fondamentale interrogativo, lo stesso di cui si parla anche oggi: si è trattato davvero di un suicidio, come il caso è stato archiviato dai giudici, o di un omicidio. Sopra trovate l’ultimo servizio andato in onda il 23 marzo scorso dopo il via libera ufficiale alla commissione parlamentare e qui un video a commento di Carolina Orlandi, figlia della moglie di David Rossi (è prevista prossimamente anche una sua audizione) e tutti i principali interrogativi irrisolti.

Stamani è stata ascoltata dalla commissione Lorenza Bondi, collaboratrice dello staff della comunicazione Mps di David Rossi. “Come era David Rossi in quei giorni? In quei giorni a Siena si viveva una situazione da caduta degli dei, da fine di un impero. Perquisizioni, indagini, come per Tangentopoli, e in una città piccola come Siena non era certo facile", ha dichiarato al termine della sua audizione in prefettura .

La delegazione della commissione presieduta da Pierantonio Zanettin (Forza Italia) ha effettuato ieri, mercoledì 8 settembre, anche un sopralluogo all'interno di Palazzo Salimbeni, sede storica di banca Mps, nell’ufficio da cui è precipitato David Rossi, e nel vicolo sottostante. “Qualche indicazione nuova è arrivata”, sostiene il deputato Walter Rizzetto (FdI), primo firmatario della proposta che ha portato all’istituzione della commissione. “Qualche idea nuova ce la siamo fatta”, dice Luca Migliorino (M5S).

Sono seguite le prime audizioni in prefettura di Antonella Tognazzi, moglie di David Rossi, e del fratello Ranieri Rossi. "È stato un incontro lungo e interessante. Mi hanno chiesto del prima, del durante e del dopo, dei rapporti con la banca, di alcuni passaggi che per loro erano da capire meglio. Ci siamo soffermati sul carattere di David sul fatto delle mail, gli ho parlato del mio processo, di tutto quello che finora è via via uscito”, ha detto Antonella Tognazzi al termine della sua audizione. “Io sono in cerca di capire cosa è successo e perché. Mi auguro che alla fine venga aperto un fascicolo per omicidio perché questa è la parola giusta”.

Ultime News

Vedi tutte
Loading