>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Deputato maori vince la battaglia: non dovrà indossare la cravatta in Parlamento

Il deputato maori era stato espulso dal Parlamento neozelandese lo scorso ottobre 2020 dopo essersi rifiutato di indossare la cravatta, obbligatoria in aula. Alla fine il maori ha vinto la sua battaglia e la cravatta non sarà più obbligatoria in Parlamento.

Lo scorso ottobre 2020, il deputato maori Rawiri Waititi era stato espulso dal Parlamento, in Nuova Zelanda, per essersi rifiutato di indossare la cravatta mentre parlava in aula.

Il presidente dell’assemblea lo aveva invitato due volte ad indossare una cravatta in aula per poter prendere parola ma Waititi non ha ceduto portando avanti il suo intervento fino a quando non è stato espulso dall’aula.

“Non si tratta di cravatte, si tratta di identità culturale”, ha dichiarato il deputato uscendo dall’aula. Non è la prima volta che Waititi si batte per i propri diritti e l’anno scorso aveva già paragonato le cravatte a un “cappio coloniale”. 

Sorprendentemente, dopo le lunghe proteste generate, è stata convocata la giunta del regolamento che ha deciso di eliminare l’obbligo di indossare la cravatta in aula. 

La vittoria del deputato con il volto ricoperto dai tradizionali tatuaggi dei maori è diventata un simbolo per tutta la sua comunità e, durante un suo discorso in aula ha detto: “Essere un maori è come avere i superpoteri. Non c’è nessun altro al mondo come noi e dobbiamo restare come siamo”

Ultime News

Vedi tutte
Loading