>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Noemi e la testa devastata dal parrucchiere: inizia il processo dopo 7 anni | VIDEO

Dopo 7 anni da quel trattamento per cui non ha più i capelli inizia il processo che però rischia di cadere in prescrizione. Oltre al danno rischia così anche la beffa di un mancato risarcimento. Continua il calvario per Noemi iniziato nell’estate 2014 che ci aveva raccontato la nostra Nadia 

Continua il calvario di Noemi, la ragazza che si è ritrovata letteralmente senza capelli dopo un trattamento. Una storia che ci ha raccontato la nostra Nadia e nonostante sia iniziata nell’estate del 2014, ancora non si è conclusa. Ed è concreto il rischio che questa ragazza non veda neppure un risarcimento

“Sono andata dal parrucchiere perché mi volevo schiarire i capelli”, racconta Noemi. “Mi ha messo una cremina e poi mi ha avvolto la testa nella pellicola trasparente: la testa ha iniziato a bruciarmi. Un po’ ho resistito, poi ho sentito come se ci fosse il fuoco”. A questo punto secondo il racconto della ragazza che ai tempi aveva 19 anni dalla testa si sarebbe sollevato come del fumo. Così il parrucchiere le avrebbe sciacquato la testa rimandandola a casa. Costo del trattamento: 77 euro

Dopo poche ore però la situazione sarebbe peggiorata ulteriormente. Dai bruciori Noemi sarebbe passata alle perdite di sangue. Tanto che in pronto soccorso le danno una pomata per le scottature. “Ogni volta che la applicavo i capelli venivano via assieme a tutta la cute”, racconta il padre di Noemi. Così tornano in ospedale e vengono dirottati al centro grandi ustioni. 

Da qui inizia il calvario tra medicazioni, dolore con medicazioni quotidiane per tre mesi. Noemi e il suo papà presentano denuncia nei confronti del parrucchiere. “Il salone non ha mai chiuso con il rischio di fare danni incredibili”, dice lui.  

Dopo questo calvario iniziato 7 anni è partito solo ora il processo che vede imputati il titolare del salone e il dipendente che ha fatto il trattamento. Ma essendo passati 7 anni rischia di cadere tutto in prescrizione. Nel frattempo Noemi si è sottoposta anche a un trapianto di pelle nel tentativo di rimarginare le ferite sottocutanee. I suoi capelli però non ricrescono e ci riproverà ancora nei prossimi mesi per tornare ad averli. 

Ultime News

Vedi tutte
Loading