>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Pallavolista incinta citata per danni: ritirata la causa. Lara: “Una vittoria per tutte le donne” | VIDEO

Vi abbiamo raccontato nel marzo scorso con Veronica Ruggeri la storia della pallavolista Lara Lugli, citata per danni perché incinta. Ora la società ha ritirato la citazione e ha dato anche la mensilità mancante all’atleta

“È una grande vittoria per tutti”. Così la pallavolista Lara Lugli commenta la decisione della società Volley Pordenone di ritirare la citazione in giudizio dell’atleta per essere rimasta incinta. La società ha inoltre pagato la mensilità mancante alla giocatrice. Noi de Le Iene vi abbiamo raccontato questa storia nel marzo scorso con Veronica Ruggeri nel servizio che potete vedere qui sopra.

La storia inizia al 2019 ed è finita su tutti i giornali a marzo scorso, quando sul suo profilo Facebook Lara Lugli denuncia la vicenda risalente a due anni prima. “Ho giocato fino a quando ho scoperto di essere incinta, quindi ho comunicato la cosa alla società”, aveva raccontato Lara alla Iena.  “Il contratto si rescinde nel momento in cui l’atleta rimane incinta: tu sai che se rimani incinta vai a casa”, ci aveva detto Lara. Così, rimasta senza squadra per via della gravidanza, Lara chiede che le venga almeno pagato lo stipendio del mese di febbraio, mese che ha giocato per intero trascinando la squadra nei primi posti.

“La risposta è stata: ‘tu rinuncia a quello che devi avere e noi non ti citiamo per danni’”, aveva raccontato Lara alla Iena. Ma passano i mesi e Lara avrebbe chiesto più volte di avere quello che le spettava, ma la società non si sarebbe più fatta sentire. Così, la giocatrice decide, per avere quello che le spetta, di fare un’ingiunzione di pagamento. A questo punto la società ha citato Lara per danni. Nella richiesta danni, come vi abbiamo raccontato, era scritto che l’essere rimasta incinta rappresentava un grave inadempimento contrattuale che ha causato un ingente danno per la società.

“È ora di cambiare registro”, ci aveva detto Lara. “Siamo già molto in ritardo sulla tutela sulle donne e vorrei che una donna non debba sentire la gravidanza come un danno che crea”. Veronica Ruggeri, a marzo scorso, era andata a parlare con il presidente della Volley Pordenone e aveva provato a fargli cambiare idea.

Per fortuna, ora la buona notizia è arrivata. “Questo è l’epilogo più giusto”, ha detto Lara al Corriere della Sera. “Ma non nego che sia stata una sorpresa. Non pensavo cambiassero rotta, non c’erano avvisaglie in tal senso. Voglio precisare che non c’è stata alcuna conciliazione con il mio ex club. È una vittoria decisiva, non solo per me. È una vittoria per tutte le donne”.

Ultime News

Vedi tutte
Loading