>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Lo scherzo a Gianluigi Paragone: il figlio si dà alle scommesse clandestine e rischia il carcere! | VIDEO

Abbiamo fatto andare su tutte le furie Gianluigi Paragone. Nella casa del giornalista e senatore abbiamo nascosto costosissimi telefoni e contanti facendogli credere che suo figlio Tommaso, nostro complice, sia finito in un giro di ricettazione e scommesse clandestine. Tutta colpa di Sebastian Gazzarrini e del suo scherzo

Gli str…i figli di put… non li voglio in casa perché sono un parlamentare della Repubblica”. Gianluigi Paragone è infuriato. Questa volta non c’entrano né Draghi né i 5 Stelle, ma suo figlio Tommaso. Con la complicità di tutta la famiglia, Sebastian Gazzarrini ha fatto cadere nella sua trappola il giornalista e senzatore.

Tutto ha inizio quando la moglie, anche lei nostra complice, gli fa notare che in casa ci sono nascosti iPhone e costosi dispositivi per telefoni e pc. Merce del valore di oltre 15mila euro decisamente fuori budget per i due figli su cui ricadono subito i sospetti di Paragone che passa al setaccio tutta casa.

È Federico il primo a cantare, mostrando al papà dei nuovi libri che il fratello ha comprato. Parlano tutti di scommesse e di come ottenere soldi facili, insomma sembra diventato uno scommettitore incallito! Gli facciamo trovare anche PostePay e contanti nascosti qua e là per casa. Gianluigi vuole affrontare subito il figlio maggiore, ma Tommaso non gli risponde al telefono.

“Io sono un parlamentare della Repubblica. Ricattano te, ricattano me!”, gli dice appena rientra a casa. E parte subito il terzo grado finché non trova nascosti pronti per la vendita anche gli orologi di famiglia: “Voglio sapere come ne esci da questa roba! Come ne esci?! Sono tutte transazioni illecite”. Paragone ha paura di finire in galera e minaccia di andare in Questura a denunciare i figli. È il momento di dirgli che è solo uno scherzo de Le Iene!

Ultime News

Vedi tutte
Loading