>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Il vaccino dimezza anche il rischio di Long Covid | VIDEO

La notizia arriva da ricerca britannica sull’autorevolissima rivista scientifica The Lancet: il rischio di sviluppare sintomi che restano per mesi si riduce del 50%. Si conferma anche la protezione contro le forme gravi della malattia. Non solo, per i pochi ricontagiati c’è il 94% di probabilità di contrarla in forma completamente asintomatica

Gli adulti vaccinati hanno anche un rischio dimezzato di andare incontro al Long Covid, oltre a essere protetti dalla malattia in forma grave. Un motivo in più insomma per dire sì tutti e il prima possibile alle due dosi di vaccino.

Con Long Covid, di cui vi abbiamo parlato con Alessandro Politi nel servizio che vedete qui sopra, si intende una sindrome con svariati sintomi che rimangono anche per mesi dopo che una persona contagiata si è negativizzata, con un ritorno complesso alla normalità della vita.

Un nuovo studio britannico, appena pubblicato sull’autorevolissima rivista scientifica, The Lancet fa sapere che dopo due dosi di vaccino le probabilità di Long Covid diminuiscono del 50%. Lo studio si concentra anche sulle possibilità di un nuovo contagio tra chi ha completato il ciclo vaccinale: è dello 0,2% con 2.370 casi su 971.504 vaccinati presi in esame tra dicembre 2020 e luglio 2021. Tra questi la probabilità di sviluppare una forma asintomatica è del 94%.

“Sento i brividi che partono da dentro e si irradiano nel mio corpo”. “Oggi a distanza di sette mesi faccio un piano di scale con la spesa e arrivo in affanno”. Nel servizio di Alessandro Politi abbiamo raccolto alcuni testimonianze di pazienti sul Long Covid. “Io sono diventato impotente”, racconta un uomo che è stato colpito dal coronavirus. “Non ero un galletto prima, ma impotente no”. “Sono sei mesi che ho la febbre” dice Anna, 24 anni. Morena, che vedete nella foto, ci aveva raccontato che tra i sintomi che si portava dietro c’erano problemi di concentrazione: “La testa non ha più la lucidità che aveva una volta. A me è capitato di sbagliare strada per andare a casa di mio figlio. O magari sto parlando e perdo il filo del discorso”.

Ultime News

Vedi tutte
Loading