>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Vigili anti droga di Milano: a processo i 4 agenti arrestati | VIDEO

Sono stati mandati a processo i quattro agenti della Polizia locale di Milano accusati dalla Procura di Milano di essersi appropriati di soldi nel corso di una perquisizione in una casa di presunti spacciatori: il caso è stato smascherato dal nostro Luigi Pelazza in una serie di servizi

Sono stati mandati a processo i quattro agenti della Polizia locale di Milano accusati dalla Procura di Milano di essersi appropriati di soldi nel corso di una perquisizione in una casa di presunti spacciatori, compilando falsi verbali per intascare il denaro. 

A chiedere e ottenere dal gip Guido Salvini il giudizio immediato è stato il pm Elio Ramondini, titolare delle indagini che lo scorso aprile hanno portato ai domiciliari gli imputati nei cui confronti ora è stata disposto l'obbligo di firma. Per loro il processo si aprirà il prossimo 15 luglio davanti alla quarta sezione penale del Tribunale e riguarderà solo l'episodio per cui sono stati arrestati. I reati contestati a vario titolo sono peculato e falso ideologico.

I 4 agenti, che erano in servizio all'Unità contrasto stupefacenti, sono stati trasferiti dopo essere stati 'smascherati' dal nostro Luigi Pelazza in alcuni servizi (sopra ne potete vedere uno).

Il giudice Salvini ha firmato la misura cautelare in particolare per un intervento  in un'abitazione di via Coppin, a seguito del quale gli agenti avevano trovato "la cifra complessiva di 13.070 euro in contanti, mentre avrebbero tenuto per loro "3.330" euro indicando così nel verbale di perquisizione il rinvenimento di "1.540 euro occultati in una cassetta di sicurezza in ferro; 8.200 euro occultati in un portafoglio di colore bordeaux. 

Decisiva, come si legge nell'ordinanza, la "video ripresa tramite due telecamere" piazzate dagli stessi pusher nella "sala e in camera da letto" della casa, come forma di protezione, e con cui venne filmata "buona parte dell'intervento". Per altri due casi analoghi per i quali i vigili sono indagati il pm ha chiesto il rinvio a giudizio con rito ordinario. 

Un caso che, come detto, è stato smascherato dai servizi del nostro Luigi Pelazza. Nel primo, la Iena ci ha raccontato come tre agenti, parlando con un loro informatore, sembrassero discutere di un accordo economico intorno alla droga: “Se scappa meglio, così ci prendiamo la nostra roba e ce la dividiamo senza problemi", hanno detto ripresi dalle nostre microcamere.  

Nel secondo servizio vi abbiamo invece mostrato nuove testimonianza del presunto operato di questi vigili: anche in questo caso si parlava di droga e soldi sequestrati che non sono sarebbero però stati verbalizzati.

Nel terzo servizio, infine, vi abbiamo mostrato come operava questa squadra dei vigili di Milano: una famiglia ha registrato con le videocamere quello che è accaduto durante una perquisizione in casa loro, e le immagini sembravano alimentare i sospetti sulla condotta di questi agenti.

Ultime News

Vedi tutte
Loading