>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ucraina: iniziative di accoglienza delle associazioni e istituzioni

Ecco come si può aiutare subito

Già da domenica sono arrivate famiglie ucraine che hanno trovato accoglienza nelle nostre strutture a Bergamo, Venezia, Palermo, Crema e tante altre che si stanno attivando da sud a nord del paese.
MAIL per richiedere accoglienza o segnalare disponibilità: immigrazione@caritas.it
 

  • CARITAS BERGAMO

Ci sono due strutture diocesane pronte a ospitare 77 rifugiati che dopo saranno ricollocati negli appartamenti messi a disposizione dei privati. Al momento sono circa una trentina gli appartamenti disponibili.
MAIL: caritas@caritasbergamo.it
 

  • DIOCESI DI GROSSETO 

Hanno aperto dei centri di raccolta per: medicinali da banco, antidolorifici, antipiretici, garze, disinfettanti, cerotti. E poi pannolini per i neonati. Già mercoledì, partiranno per Roma i primi mezzi carichi di quanto donato. Da lì, poi, tutto sarà trasportato ai confini con l'Ucraina, dove si trovano tante donne con bambini in fuga. Nel contempo il territorio sta accogliendo i primi profughi giunti dall'Ucraina. Chi può aprire la propria casa o un altro alloggio a sua disposizione può segnalare la propria disponibilità alla mail indicando i propri dati, un recapito telefonico e possibilmente un sacerdote di propria conoscenza. Il direttore di Caritas diocesana, don Enzo Capitani, farà da riferimento per l'accoglienza. 
MAIL: info@diocesidigrosseto.it
Chi non ha questa possibilità può comunque contribuire con un'offerta economica. È stato predisposto un conto dedicato, gestito dalla Diocesi.
Quanto sarà versato in questo conto servirà esclusivamente per gestire l'accoglienza dei fratelli ucraini che arrivano tra noi. Naturalmente ci muoviamo in accordo con i sindaci e Prefettura”.

 

  • CITY ANGELS MILANO

Hanno messo a disposizione una loro struttura a Milano con decine di posti letto per i profughi ucraini (stanno aspettando direttive dal Comune di Milano per capire come muoversi).
Alcuni volontari si sono mossi personalmente per ospitare delle famiglie e organizzeranno anche spedizione di farmaci, beni di prima necessità da inviare in Ucraina.
MAIL: cityangels@cityangels.it 

 

  • ASSOCIAZIONE ITALIA UCRAINA BOLOGNA

Stanno organizzando una rete di accoglienza, coinvolgendo singoli cittadini, associazioni, strutture alberghiere (sono in attesa di coordinarsi con il sindaco di Bologna). Tutti i giorni dalle 17:00 alle 20:00 organizzano una raccolta di beni di prima necessità da inviare in Ucraina con punto di raccolta alle case di quartiere Graf in Piazza Spadolini a Bologna.
MAIL: assitaliaucraina@libero.it
 

  • PROGETTO ARCA MILANO

Hanno messo a disposizione una struttura con 50 posti letti in Via stella a Milano. Hanno organizzato, in collaborazione con l’associazione Remar, 5 furgoni che sono partiti per il confine Romania-Ucraina con carico di abiti/sacchi a pelo/prodotto per igiene e alimenti, anche cucina mobile e tende per chi attraversa il confine.
MAIL: info@progettoarca.org  

 

  • FEDERAZIONE AVIB 

Sta raccogliendo, insieme all’Associazione Cittadini del Mondo OdV Cagliari le disponibilità per fornire una prima accoglienza. Chi vuole rendersi disponibile a offrire ospitalità può scrivere.
MAIL: cittadinidelmondo.ca@gmail.com oppure federazione.avib@gmail.com

 

  • COMUNE DI CHIARAVALLE CENTRALE (CATANZARO)

Il Sindaco ha messo a disposizione strutture inutilizzate del Comune e ha accolto le proposte dei cittadini. Ci sono circa 80 posti. Si cercano immobili di proprietà del comune o privati in cui collocarli.
MAIL: sindaco@comune.chiaravallecentrale.cz.it

 

  • PROGETTO #OSPITAZIONE - Associazione MAMMEMATTE 

Già raccolte più di 6000 disponibilità di famiglie italiane aperte a una “accoglienza consapevole” di nuclei mamma-bambino e minori ucraini. M'aMa-Dalla Parte dei Bambini (anche nota come La Rete delle MammeMatte) da sempre impegnata, su intero territorio nazionale, nella tutela dei diritti dei minori (anche) con bisogni speciali, attraverso l’affido e l’adozione, sta raccogliendo le disponibilità di tutte le famiglie (single, coppie etero e omosessuali) aperte all’eventuale accoglienza di minori ucraini o nuclei mamma-bambino. M'aMa si rende disponibile a una collaborazione con le Autorità, i centri di accoglienza, con Servizi sociali e con chiunque si occupi delle vittime di questa terribile emergenza.
MAIL: emergenzamama@gmail.com

 

Il Movimento di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa è presente sul territorio da quando il conflitto è iniziato 8 anni fa.
Attività principali: distribuzione beni di prima necessità alla popolazione, interventi di primo soccorso, supporto psicologico, ricongiungimento familiare, supporto alle strutture ospedaliere e predisposizione di campi e strutture per accogliere la popolazione sfollata internamente ed esternamente al Paese.
La Croce Rossa Italiana, in quanto membro del Movimento ha lanciato una campagna di raccolta fondi al fine di poter supportare le attività svolte in loco e le attività a supporto della popolazione ucraina fuggita in cerca di riparo verso i paesi confinanti. È in partenza il primo convoglio di aiuti umanitari destinati all'Ucraina

https://dona.cri.it/emergenzaucraina/~mia-donazione?_cv=1

 

Per aiutare i bambini dell’Ucraina

 

MSF è in azione per avviare una risposta d’emergenza in Ucraina e inviare team in Polonia, Moldavia, Ungheria, Romania e Slovacchia per valutare e rispondere ai bisogni umanitari delle persone in fuga ai confini. In Ucraina, MSF ha distribuito kit di assistenza per feriti di guerra a Mariupol e fornito formazione a distanza sulla cura dei traumi a 30 chirurghi dell'Ucraina orientale. Ai checkpoint tra Ucraina e Polonia, lo staff di MSF vede persone che attraversano il confine a piedi, in auto o in autobus. Le persone sono stanche ed esauste, ci sono anche bambini e neonati, anche sotto il mese di vita.

 

INIZIATIVE DI ACCOGLIENZA Di AZIENDE E PRIVATI 

 

Airbnb ha aperto una pagina dove si può mettere a disposizione gratuitamente il proprio alloggio, oppure contribuire con una donazione. 

 

  • SANDRO BOTTEGA 

Imprenditore trevigiano con la sua azienda ha deciso di accogliere 50 profughi ucraini, a cui metterà a disposizione una casa e un lavoro. 
MAIL: sarabellotto@bottegaspa.com - possono gestire anche richieste in russo 

 

  • CASE FAMIGLIA - SALERNO E PROVINCIA 

Loredana Paglionico è la responsabile di due comunità: la Domus Familia Felix di Mercato San Severino e la Casa del Cuore di Giffoni Sei Casali. Ha messo a disposizione le due strutture per l’accoglienza di bambini ucraini da 0 a 10 anni e hanno istituito una rete per chiunque volesse mettere a disposizione altri alloggi o altre forme di assistenza.
MAIL: domusfamiliafelix@outlook.it
 

  • MASSERIA LA RESTUCCIA - LEQUILE (LE)

Giancarlo Genco apre le porte della sua Masseria settecentesca nel Salento per dieci ucraini. È pronto a dare lavoro e ospitalità a 10 persone. Cerca camerieri, baristi, receptionist, ecc.
MAIL: info@masseriawave.it

 

  • ECOGEST - COTIGNOLA (RA)

Valerio Molinari offre lavoro - a tempo indeterminato - a 20 capifamiglia ucraini in fuga, affinché possano mantenere i propri cari al seguito. Ecogest (Ravenna) è leader in Italia e nel mondo nel campo del verde autostradale.
MAIL: ufficio.personale@ecogestspa.com riferimento “Profughi ucraini”

 

Sito crowdsourced (chiunque può entrare e aggiungere indicazioni) creato dall’associazione ucraina Global Shapers e supportato dal Governo Ucraino. Si può contribuire in diversi modi: donare, aiuti umanitari, dare ospitalità. C’è una pagina dedicata all’accoglienza divisa per paesi, in Italia c’è un gruppo Facebook dove sia chi cerca sia chi offre alloggio può pubblicare dei post. https://www.facebook.com/groups/465946801653038/ 

 

INIZIATIVE SOLIDALI PER CHI RIMANE IN UCRAINA

 

Soleterre da moltissimi anni opera in Ucraina presso l’Ospedale oncologico pediatrico. In questo momento si stanno occupando di garantire le cure ai bambini e di organizzare lo spostamento in Italia dei bambini che hanno condizioni più gravi. Il supporto di cui hanno bisogno in questo momento è esclusivamente economico. Sul loro sito tutti i dettagli per le donazioni

 

  • IL MUSEO DEL CINEMA

Il museo del Cinema ha aderito alla raccolta di farmaci organizzata dall'associazione Made in Ucraine for Italy diretta dall'attrice Oksana Filonenko e coordinata dal Consolato Generale Ucraino a Milano e dall'Ambasciata dell'Ucraina a Roma. È possibile lasciare medicinali e materiali di primo soccorso nel punto di raccolta allestito alla Mole Antonelliana.
 

  • SPECCHIO D’ITALIA

La Fondazione Specchio d’Italia apre una sottoscrizione per la gente dell’Ucraina. Lo fa mettendo a disposizione 50.000 euro che verranno subito impiegati nel sostegno alle migliaia di profughi in fuga del paese martoriato dalla guerra. Tutti ci possono aiutare per rendere l’intervento più incisivo ed efficace. Come sempre vi racconteremo, passo passo, delle nostre iniziative attraverso le testate del Gruppo GEDI.

 

Stanno organizzando dei pullman con beni di prima necessità e materiale ospedaliero (garze, lacci emostatici, farmaci ecc) da mandare in Ucraina. Privati cittadini possono donare beni oppure fare delle donazioni economiche. Strutture ospedaliere e farmacia stanno donando.
https://www.facebook.com/italiaucrainamaidan  EMAIL: itumaidan@gmail.com

Ultime News

Vedi tutte
Loading